Gavirate

Gavirate, A scuola di pet therapy con istruttori e un golden retriever

pet therapyGiovedì 11 maggio, nell’aula Morselli dell’Isis “Edith Stein” di Gavirate, a cura della Dirigente Scolastica Francesca Franz e della professoressa Ileana Maccari, docente di psicologia nel corso dei servizi socio-sanitari, si è tenuto un incontro tra alcune classi del corso (4A, 4B, 1A), dedicato alla presentazione della pet therapy con alcune operatrici del settore.

Sono intervenute Sabrina Brusa istruttore e rieducatore cinofilo, direttore di CIAC ASD, Alice Belluzzi educatore cinofilo e operatore di pet therapy, coadiutore del cane in IAA, Anakin, cane di razza golden retriever di 8 anni .

L’obiettivo specifico dell’incontro, che ha visto una partecipazione fattiva degli studenti, è stato quello di illustrare in cosa consistono gli IAA (interventi assistiti con gli animali)

Gli Interventi assistiti con gli animali (IAA), genericamente indicati con il termine di “Pet Therapy”, comprendono una vasta gamma di progetti finalizzati a migliorare la salute e il benessere delle persone con l’ausilio di “pet”, ovvero di animali da compagnia. La convivenza con gli animali, quando impostata sul principio di relazione, rappresenta già di per sé fonte di beneficio per la società ma gli animali domestici possono svolgere anche un importante ruolo di mediatori nei processi terapeutico-riabilitativi ed educativi e il loro impiego, in ambito terapeutico, non solo ha avuto una notevole diffusione ma sta seguendo sempre più un approccio scientifico.

Esso infatti determina non solo una migliore risposta del paziente ma spesso concorre alla riduzione dell’uso dei farmaci, con ulteriori vantaggi sia per la qualità della vita sia in termini di costi per la collettività.

Tutti gli IAA devono essere improntati a rigorosi criteri scientifici e necessitano di una regolamentazione specifica volta a tutelare sia il paziente/utente che gli animali coinvolti.

La lezione è poi proseguita con la presentazione delle differenze  negli IAA:  l’EAA= educazione assistita con l’animale,   le TAA = terapie assistite con l’animale, e le AAA= attività assistite con l’animale per arrivare a fornire agli studenti  informazioni chiare su  una seduta di pet therapy, come dovrebbe essere strutturata e quali sono le figure coinvolte, la scelta e la formazione del cane e degli operatori inseriti in un modello relazionale sistemico che si basa su una visione cognitivo—zoo antropologica e relazionale, quali sono i benefici degli interventi assistiti con gli animali ed il target dei fruitori (anziani, persone affette da deficit psico-fisici di varia natura, carcerati, post comatosi, scolaresche per campagne di educazione e sensibilizzazione etc).

L’intervento delle esperte all’interno della scuola è stato particolarmente gradito ai ragazzi che, attraverso il contatto diretto con le operatrici e con il cane, hanno potuto coniugare gli aspetti teorici e pratici dell’argomento, in un clima coinvolgente e motivante. All’incontro era presente anche Laura Petullo, operatore cinofilo e futuro educatore cinofilo, attualmente in formazione, ed ex-allieva dell’istituto dei servizi socio-sanitari che ha spiegato agli studenti le ragioni della scelta di intraprendere questo percorso, dopo il conseguimento del diploma.

14 maggio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs