Varese

Varese, L’Europa delle opportunità per i giovani si presenta in Salone Estense

Foto di gruppo in Salone Estense

Foto di gruppo in Salone Estense

Nell’ambito della celebrazione dei trent’anni di Erasmus, in Salone Estense, si è svolto nel pomeriggio ol convegno “L’Europa delle opportunità per i giovani”, un momento di confronto organizzato dal Comune di Varese e dall’Agenzia Nazionale dei Giovani.

Un appuntamento in cui i giovani si sono confrontati tra loro e in cui sono stati presentati i progetti per un’Europa giovane e per i giovani. A condurre tutto il dibattito è stata l’assessore ai Giovani del Comune, Francesca Strazzi.

Insieme all’assessore comunale, hanno partecipato anche il sindaco Davide Galimberti, l’onorevole Maria Chiara Gadda, il rettore dell’Università dell’Insubria Alberto Coen Porisini, Giacomo D’Arrigo, direttore generale dell’Agenzia, Silvia Strada, comunicazione e relazioni esterne dell’Agenzia.

Come spiega l’assessore Strazzi, “l’amministrazione, infatti, vuole fare di Varese una città a misura di giovane ed essa può essere tale se non si lascia sfuggire le opportunità che le frontiere aperte possono offrire. Compito del Comune, nei prossimi anni, sarà quello di essere in prima linea nella ricerca e ricezione dei progetti che possano agevolare i ragazzi e le ragazze della nostra città a crescere”.

Interessante il racconto della loro esperienza che è stato fatto da alcuni ragazzi e ragazze italiani e stranieri.  Come ha rimarcato l’onorevole Gadda “l’Europa è nata per essere lo spazio delle opportunità, e deve continuare ad esserlo soprattutto per i giovani”. “L’Agenzia Giovani che ha la sua sede strategica nella Presidenza del Consiglio – ha continuato la Gadda – mette al centro i progetti, la mobilità delle persone, delle idee e delle competenze, utilizzando al meglio i fondi che l’Europa mette a disposizione e che in passato sono stati sottoutilizzati.

Sono contenta che l’amministrazione comunale abbia colto l’importanza di questi temi, non solo promuovendo iniziative informative, ma anche aprendosi a nuove progettualità”. Tutto questo, ha concluso l’onorevole Gadda, deve portare ad una “Varese vera città europea, aperta e inclusiva”.

Al rettore dell’Università dell’Insubria il compito di sottolineare quante chance offra l’Europa ai giovani, sia per quanto riguarda lo studio, sia per quanto riguarda il lavoro. Sulle opportunità comunitarie si sono invece soffermati i responsabili dell’Agenzia Nazionale dei Giovani.

 

 

12 maggio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs