Varese

Varese, Con la lezione del dottor Paulo Malo, Varese capitale dell’odontoiatria

Da sinistra Azzalin, Malo e Ciaffi

Da sinistra Azzalin, Malo e Ciatti

Grande successo per l’incontro a Varese con Paulo Malo, odontoiatra portoghese divenuto noto in tutto il mondo grazie al protocollo clinico per la riabilitazione del paziente edentulo, “All-on-4®”, di cui è stato ideatore e sviluppatore.

Grazie a Maurizio Ciatti, medico odontoiatra varesino, tra i maggiori esperti in Italia di questa metodica, nonché amico di Paulo Malo, nella suggestiva location del Palace Hotel di Varese, gli odontoiatri e i chirurghi maxillo-facciali, ma anche gli odontotecnici interessati a conoscere questa tecnica, hanno avuto la possibilità di dialogare un’intera giornata con l’ideatore della metodica inizialmente osteggiata dalla comunità scientifica ma oggi riconosciuta come la più innovativa e vicina alle esigenze reali dei pazienti.

“Per me è un grande privilegio esser riuscito a organizzare questo corso di formazione con uno dei maggiori esperti d’implantologia a livello mondiale”, ha dichiarato Maurizio Ciatti, “in particolare proprio quest’anno ricorre il decimo anniversario dalla mia prima visita alla Malo Clinic di Lisbona, dove conobbi Paulo Malo e il suo protocollo. In questo decennio, ho potuto seguire molto da vicino l’evoluzione del “Malo Clinic Protocol”, com’è chiamata oggi la metodica che consente di riabilitare il paziente edentulo, o con dentizione gravemente compromessa, con soluzioni poco invasive, ma anche meno costose rispetto a quanto proponevano le classiche metodiche”.

Il protocollo, ormai ampiamente convalidato, sembra essere il più adatto ad affrontare il problema dell’edentulismo, fenomeno – in parte causato da fattori genetici – molto diffuso nei pazienti sopra i 65 anni di età (negli Stati Uniti, ad esempio, interessa circa il 65% degli anziani) e purtroppo in crescita.

“In tanti anni di odontoiatria”, ha continuato Ciatti, “non ho mai visto tanto entusiasmo quanto quello che suscita il “Malo Clinic Protocol” nei pazienti trattati che in una sola seduta riacquistano il sorriso, senza ricorrere agli innesti ossei e col vantaggio del carico immediato: in pratica il paziente esce dallo studio con una protesi fissa, e subito funzionale, ed è proprio questo a esser maggiormente apprezzato dai pazienti”.

La giornata di studio è stata un’occasione davvero unica per gli odontoiatri, i chirurghi maxillo-facciali e gli odontotecnici interessati ad apprendere i concetti basilari del “Malo Clinic Protocol” direttamente dal suo ideatore che presenterà anche importanti novità, come i nuovi impianti Zigomatici per il trattamento dei casi più complessi e le ultime indicazioni, nonché le strategie di mantenimento che devono essere seguite dai pazienti e dagli odontoiatri per ridurre al minimo le possibili complicanze nel tempo.

Tra le autorità che hanno preso parte alla giornata varesina di aggiornamento e formazione, il presidente della CAO Varesina, il dr Jean Louis Cairoli, il past-president CAO-AIO (Associazione Italiana Odontoiatri)  Dr Dino Azzalin, il presidente ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) Varese, il dr Basilio Laganà e il vice presidente, il dr Marco Lavazza.

10 maggio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi