Varese

Varese, Consegnati i premi Sole d’Oro e Giovani nel Volontariato

Premiazione in Salone Estense a Varese

Premiazione in Salone Estense a Varese

Si è svolta sabato 29 aprile presso il Salone Estense di Varese, la cerimonia di premiazione del Sole d’Oro e di Giovani nel Volontariato: si tratta di due riconoscimenti che premiano i volontari del nostro territorio e che il Centro di Servizi per il Volontariato della provincia di Varese assegna rispettivamente da diciotto e da undici anni.

In particolare con il  Sole d’Oro sono premiati 10 volontari che si siano particolarmente distinti per la promozione del dono e della solidarietà; il premio “Giovani nel Volontariato” è invece assegnato a 3 ragazzi tra i 16 e i 25 anni.

I nominativi sono selezionati da una commissione sulla base delle segnalazioni che arrivano dalle associazioni del territorio dopo la pubblicazione (tra gennaio e febbraio) di un apposito bando: chi, tra i volontari segnalati, non riceve il premio, viene comunque invitato alla cerimonia per il conferimento di una “menzione”. Quest’anno le menzioni assegnate sono state più di venti.

Alla premiazione sono intervenuti come relatori il professor, Raul Caruso, autore del libro “Economia della pace” e l’Onorevole Maria Chiara Gadda promotrice della legge 166/2016 per favorire la donazione delle eccedenze alimentari.

Durante la mattinata è stato inoltre proiettato il video “Il Volontariato che genera competenze” realizzato nell’ambito del progetto Giovani di Valore, finanziato da Fondazione Cariplo: un video che raccoglie la testimonianza di Kledja Ndoci – giovane volontaria ex premiata per Giovani nel Volontariato – che racconta come il volontariato la abbia aiutata ad accrescere le sue competenze e ad affrontare le scelte per il suo futuro.

In sala erano presenti il Prefetto di Varese, Giorgio Zanzi, il sindaco di Varese, Davide Galimberti, il consigliere provinciale Carmelo Lauricella, la consigliera di parità, Luisa Cortese, il presidente della Camera di Commercio, Giuseppe Albertini, il Direttore Socio Sanitario Asst dei laghi
Adelina Salzillo. Inoltre alla cerimonia sono stati invitati i Sindaci dei Comuni di residenza dei premiati che, come sempre, sono stati chiamati per la consegna del premio ai loro concittadini.

Ecco i nominativi dei premiati e le motivazioni della loro premiazione

PREMIATI SOLE D’ORO – MOTIVAZIONI

Patrizia Bais
Avis Medio Verbano
Patrizia ha iniziato iniziato quando aveva 18 anni a occuparsi di Avis. Nel 1978 ha fondato il gruppo giovani locale e si è sempre battuta per far conoscere il dono del sangue ai giovani. Ha poi lavorato come segretaria in sezione fino al pensionamento. Ora mette ancora a disposizione il suo tempo per le esigenze che la sezione richiede.

Silvana Beretta
Auser Volontariato Saronno
Silvana ha grandi doti di coordinamento, coesione e rapporti umani sia con i volontari che con gli ammalati che considera non casi da trattare ma persone con cui stabilire un rapporto. La sua presenza sempre discreta ma vigile. Nonostante l’età l’entusiasmo profuso è assolutamente giovanile: è una figura indispensabile e di riferimento nell’unica struttura presente sul territorio portando sollievo anche ai familiari. Opera anche in CRI, LILT, RETE ROSA.

Savio Binaghi
Fondazione “Poretti Magnani” Onlus Vedano Olona

Savio dal 1975 si è sempre dedicato alla causa della RSA. A fronte del suo impegno costante ha condotto questa struttura nelle varie trasformazioni normative e legislative che l’hanno portata ad oggi ad accogliere 96 persone ed oltre 65 dipendenti. Nel corso dei suoi mandati ha messo al centro la qualità della vita dell’ospite sia in termini architettonici che di benessere.

Giovanni Cecchini
CUAMM- Medici con l’Africa

Da 42 anni Giovanni si dedica al diritto alla salute: neolaureato, nel 1975, parte come Pediatra per lavorare in Uganda ed Etiopia con mandati di 2-3 anni ognuno. Nei periodi in Italia ha collaborato e tutt’ora collabora con CUAMM per la stesura di progetti da applicare in Africa. È attualmente impegnato nella realizzazione di ospedali in Tanzania, in Etiopia, alla formazione di colleghi africani e alla sensibilizzazione sul territorio varesino. Alla cerimonia Cecchini non era presente perché è in missione all’estero: per lui ha ritirato il premio la figlia.

Lina Elli
Avulss di Saronno

Lina svolge da oltre 10 anni il prezioso ruolo di Responsabile Culturale dell’Associazione Avulss di Saronno occupandosi con passione e competenza della formazione di base degli aspiranti volontari e della formazione permanente dei volontari. Svolge anche servizio presso il Reparto di Neurologia dell’Ospedale di Saronno.

Eugenio Malnati
Amici del Campo dei Fiori

Eugenio è socio fondatore dell’Associazione Amici del Campo dei Fiori si dedica con passione alla pulizia dei sentieri del Parco. Organizza le escursioni e coordina i volontari formando le squadre. Sorveglia che le operazioni di pulizia vengano svolte in maniera adeguata ed in sicurezza. È sempre disponibile a supportare l’Associazione anche nelle altre iniziative programmate. Il suo operato è di fondamentale importanza.

Enrichetta Marchini Brambilla
Società San Vincenzo de Paoli

Enrichetta segue la San Vincenzo con amore e dedizione senza lasciarsi abbattere dalle numerose difficoltà. Fa fronte ogni giorno a gravi problematiche del rione Madonna in Campagna di Gallarate, sfruttando i suoi contatti con i servizi sociali, gli amministratori locali e con le varie associazioni. Molto disponibile verso gli assistiti, è considerata dalle consorelle un modello di riferimento ed è stimata per il suo perenne entusiasmo e la sua dedizione nell’aiutare i bisognosi.

Mario Pennisi
AsPI Onlus Varese

Mario ha iniziato l’attività di volontariato per i malati di Parkinson negli anni ‘90 insieme alla moglie Edy. Ha promosso e sostenuto la costituzione nel 2007 di AsPI e delle Sezioni autonome di Cassano Magnago, Legnano, Novara e Groane, consapevole della necessità di un riferimento sul territorio locale per i malati e le loro famiglie.  Artefice della prima vacanza terapeutica a Sciacca continua con impegno ad aiutare i malati a vincere l’isolamento e affrontare la quotidianità con maggior positività.

Sbarra Francesco
Prociv Onlus Augustus Busto Arsizio

Francesco è il tipico volontario della protezione civile: sempre disponibile, a tutte le ore. La sua attività come volontario lo vede spesso e volentieri impegnato in missioni sia in Italia che all’estero.

Giorgio Tacca
CVA (Corpo Volontari Ambulanza) di Angera

Giorgio è un volontario operoso e disponibile, sempre collaborativo. Ha fatto parte del consiglio direttivo, ha ricoperto la qualifica di soccorritore. Ha dedicato il suo tempo libero ai servizi in ambulanza e successivamente è stato impegnato come centralinista. Ha operato anche con il suo Comune di residenza, nei servizi di accompagnamento alla persona.
Negli ultimi anni, pur non essendo presente e attivo come prima continua a sostenere l’associazione con la sua vicinanza.

PREMIATI GIOVANI NEL VOLONTARIATO – MOTIVAZIONI

Sait Drammeh
Polha – Varese

Sait è arrivato in Polha attraverso una Cooperativa per richiedenti asilo. E’ un giovane del Gambia che ha lasciato la sua terra a causa della guerra e ha sofferto molto. A Varese è andato a scuola, ha imparato la nostra lingua trovando lavoro. La Polha lo ha accolto con affetto e lui ha ricambiato con onestà, dedizione e impegno. Un esempio per tutti.

Gruppo Giovani SOS Malnate Junior
SOS Malnate

Il Gruppo Giovani SOS Malnate Junior fa parte di un’associazione di Volontariato: i ragazzi, una trentina tra i 15 e i 29 anni, hanno deciso di impegnarsi per sviluppare il volontariato giovanile sul territorio occupandosi di attività promozionali e momenti formativi e collaborando con altri enti no profit. Di grande successo è la ‘settimana da volontario’, grazie alla quale i giovani si avvicinano al gruppo, conoscono l’associazione, seguono corsi di formazione, riflettono sui valori del volontariato.

Luana Lo Monaco
GIVIS

Luana ha ricoperto, tra il 2014 e il 2016,  il ruolo di presidente dell’associazione e la sua azione è stata risolutiva per creare un rapporto con le altre organizzazione del territorio con conseguente ingresso nel coordinamento associativo “4 Passi di Pace”. Inoltre si è realizzato un doposcuola con il coinvolgimento di 6 studentesse del Liceo “Legnani”, in attuazione dell’ “Alternanza Scuola – lavoro”.

30 aprile 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs