Varese

Varese, Comitato Diamoci una mano Varesini, un successo la nuova riunione

La riunione in via Robbioni

La riunione in via Robbioni

Questa sera, presso il nuovo spazio WGART di Via Robbioni (nuova location per l’incontro, resa necessaria dal nutrito numero di adesioni, che non ha permesso lo svolgimento presso l’Associazione 23&20) si è svolta la terza riunione del “Comitato Diamoci una mano Varesini”, che ha raccolto attorno al tavolo del direttivo (composto da Paolo Ambrosetti, Deborah Braga, Benedetta Giannini, Yvonne Rosa, Disma Cazzaro e Sonia Milani) una cinquantina di commercianti, sollecitati dalla curiosità bara intorno a questo gruppo spontaneo, sviluppato dalla pagina FB, “diamoci una mano varesini”.

All’ordine del giorno: PRESENTAZIONE DEL COMITATO E DELLA SUA MISSION AI NUOVI ADERENTI; AGGIORNAMENTO SULLE ATTIVITA’ GIÀ SVOLTE DAL COMITATO; INIZIATIVE e PROGETTI PER RIATTIVARE VARESE.

“Si è già svolto il primo incontro istituzionale con il Sindaco, per illustrare la missione del Comitato: soluzioni easy ed immediate, per essere realmente concreti.” – ha spiegato ai partecipanti Paolo Ambrosetti, Presidente del Comitato – “senza assolutamente sostituirci ad alcuna Associazione di categoria, ma solo ed esclusivamente per affiancarle in maniera pro-attiva”.

Si è già portato sul tavolo istituzionale anche il problema della calendarizzazione degli eventi, che non devono essere invasivi nei confronti dei commercianti, ma devono essere propedeutici allo sviluppo delle presenze nel centro storico.

Una prima soluzione concreta, dopo la concertazione con gli uffici comunali e gli organizzatori dell’evento “Varese-Campo dei Fiori con le auto storiche” è stata quella di non chiudere le strade il primo giorno di saldi al Luglio, come invece era stato previsto nella pianificazione iniziale.

Un altro problema, che ha riscosso l’interesse di tutti i presenti, è stato quello della sicurezza e, in particolare, delle telecamere, che moltissimi anelano a gran voce e per il quale Ambrosetti ed il direttivo, si sono mostrati preparati nella proposta di una ricerca di sinergia tra il Comitato ed i commercianti per la soluzione “adotta una telecamera”, che riunendo le adesioni dei commercianti di una via, attraverso un aiuto del Comitato, possa prevedere un acquisto collettivo, come soluzione concreta e fattiva.

Difficile non ragionare sul controsenso del metodo, ma la ricerca è stata quella della risoluzione.

L’ulteriore proposta è quella di un numero dedicato ai commercianti, per il quale è già stato richiesto un incontro al Prefetto.

Questo con lo scoop di lavorare in sicurezza, per avere la serenità di un rilancio positivo.

Altra iniziativa interessante è che il Comitato ha la determinazione di portare a termine è lo “Sbaracco”: l’ultimo giorno dei saldi i commercianti escono all’esterno dei loro negozi ed allestiscono la loro bancarella. Un evento che porterebbe folclore e colore nel centro, con l’allegria, i colori ed il vociare di un grande mercato all’aria aperta, dove conoscere meglio i commercianti varesini e i loro prodotti.

Tante, tantissime le idee e palpabile l’entusiasmo dei partecipanti, che ha colto nel Comitato lo spunto e àncora per procedere con un nuovo slancio.

 

26 aprile 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs