Varese

Varese, Promossi a pieni voti “Effetti Collaterali”, sempre più istrionici e divertenti

 

Un momento della commedia

Un momento della commedia

C’è sempre una certa attesa per le nuove proposte della compagnia “Effetti collaterali”, e ogni volta il risultato è un successo. E’ accaduto anche ieri sera, quando, nell’ambito della rassegna AmaTe!, è andata in scena al Teatro Openjob Metis di Varese l’esilarante commedia di Michael Parker “Di chi sono queste mogli?”.

Tradotta dalla stessa compagnia, che è nata nell’ambito dell’Oratorio San Vittore, la commedia è stata sfruttata al meglio dagli attori e dalla regista-attrice Laura Botter: una macchina da guerra della comicità, un fuoco pirotecnico di risate e di colpi di scena, un paio d’ore di puro divertimento, una vertiginosa discesa verso il mondo senza confini del gioco di parole.

Tutta la vicenda si dipana nell’Oakfield Golf and Country Club, un club esclusivo colpito da un improvviso problema alle linee telefoniche. Clienti del club due manager che vogliono godersi un weekend senza mogli, impegnate nello shopping. Ma nel club arriva la nuova proprietaria dell’azienda dei manager, che dichiara di vedere di cattivo occhio gli uomini che se la spassano senza mogli.

A questo punto decolla la commedia, con i due manager che cercano due finte mogli…ma arrivano anche le mogli vere e, allora, la macchina inizia a girare vorticosamente, fino al termine della commedia.

Il divertimento è assicurato grazie alla scaltra abilità degli attori, a cui attribuiamo la tradizionale tabellina: bravura istrionica quella di Laura Botter, fascino glamour per Francesca Mamolo, simpatia birichina quella di Valeria Biscotto, comicità lunare per Armando Molinari, fascinosissima Manuela Tenti, Marta Cassani bella e brava, deciso e professionale Paolo Franzetti, finto bravo ragazzo Paolo Bosoni.

Menzione a parte per il professionale Giacomo Mazzarino, e per il caratterista in salsa romanesca, l’ottimo Filippo De Sanctis, che ci ha regalato un gigionesco cameo finale godibilissimo.

Tanti gli applausi per la compagnia, ma anche per la finalità benefica delle risate: il progetto “Percorsi di affettività” di Kiwanis Varese in collaborazione con l’Istituto Comprensivo Varese 5.

 

23 aprile 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs