Varese

Varese, Consegnati i premi scolastici XXV Aprile 1945 agli alunni delle primarie

Strapiena l'Aula Magna dell'Insubria

Strapiena l’Aula Magna dell’Insubria

Questa mattina, nell’Aula Magna Università Insubria, di via Ravasi sono stati consegnati i Premi scolastici “XXV Aprile 1945” agli alunni delle scuole primarie di Varese. Oltre 400 persone hanno assistito alla cerimonia in cui erano presenti il sindaco Davide Galimberti, l’assessore ai Servizi educativi Rossella Dimaggio, la presidente di ANPI Varese, sezione “Comandante Claudio Macchi”, Margherita Giromini e il partigiano Luigi Grossi, “Cin”.

A consegnare il premio agli alunni è stato il primo cittadino di Varese che ha invitato tutti i ragazzi a crescere tenendo vivi i valori di democrazia, libertà, altruismo e generosità. “Varese è dalla parte della libertà, della Costituzione e della democrazia – ha detto il sindaco Galimberti – diritti che abbiamo conquistato grazie alle azioni di tante persone che, anche con la loro vita, ci hanno consegnato le chiavi del nostro futuro”. Il sindaco ha anche letto il testo originario con il quale fu istituito il premio scolastico “XXV Aprile 1945”.

Nel corso della cerimonia è stata consegnata l’onorificenza a Francine Christophe, poetessa e scrittrice, sopravvissuta al campo di concentramento di Bergen-Belsen. La mattinata è stata accompagnata dall’Orchestra del Coro Iqbal dell’Istituto Comprensivo di Varese Don Rimoldi, diretta dalle insegnanti Fiorenza Taglione e Giovanna Bellucci.

Domani, domenica 23 aprile, si svolgerà quella che rappresenta la vera novità delle iniziative in programma per il 72° anniversario della Liberazione: verrà inaugurato infatti il “Percorso della Memoria della Resistenza” che si snoda attraverso sette tappe cittadine, realizzato a cura di Anpi sezione di Varese e dell’Assessorato allo Sport del Comune di Varese.

Il Percorso della Memoria valorizzerà i cippi e le lapidi che ricordano i partigiani uccisi nei terribili mesi che ebbero inizio con l’autunno del 1944, denominato a ragione “Ottobre di Sangue Varesino”, e si conclusero con la Liberazione, il 25 aprile del 1945. Anpi Varese, in stretta collaborazione con l’Amministrazione Comunale, ha voluto riconoscere una tangibile visibilità a Renè Vanetti, a Ghiringhelli, Copelli e Trentini, a Carletto Ferrari, a Walter Marcobi, a Calogero Marrone, a Nuccia Casula. E anche a Giorgio Perlasca, divenuto simbolo della solidarietà, generosa e allo stesso tempo discreta, dei tanti italiani che si opposero al nazifascismo.

I pannelli realizzati per il Percorso della Memoria della Resistenza avranno dei codici QRCode che renderanno possibile al visitatore accedere a materiali più approfonditi, in parte curati dalle scuole del territorio, in parte tratti da libri di storia locale.

22 aprile 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs