Varese

Varese, Tra Arcigay e Comune non è ancora scoppiata la pace

Il presidente Boschini

Il presidente Boschini

Arcigay Varese ha incontrato il sindaco di Varese Davide Galimberti e gli assessori Andrea Civati (assessore ai trasporti) e Roberto Molinari (assessore ai servizi sociali). In rappresentanza dell’associazione è intervenuto Giovanni Boschini, presidente.

Nella riunione sono stati sottolineati da parte dei rappresentanti del Comune i vantaggi derivanti dal patrocinio comunale, della quale eravamo già a conoscenza dalla delibera di giunta e che vengono riconosciuti a tutti gli eventi che lo ottengono.

È giusto però fare presente che queste sono tutte cose che l’associazione ha ottenuto anche con la precedente amministrazione di stampo conservatore pur non avendo il patrocinio e che in linea di massima questi e molti altri vantaggi vengono riconosciuti alla gran parte delle associazioni che fanno richiesta al Comune (come testimoniano le delibere di giunta).

La concessione del patrocinio è sicuramente apprezzabile, segno di una vicinanza formale e di una condivisione unanime della Giunta sull’evento che però rischia di non avere valore di fronte ai molti nodi che rimangono da sciogliere.

In particolare, si è confermata l’indisponibilità da parte del Comune di elargire un contributo economico e la stampa dei volantini per motivi di bilancio: gli organizzatori hanno preso atto di questa decisione e si affideranno agli sponsor e alle donazioni per l’autofinanziamento dell’evento. Sulla presenza di un palco comunale si è propensi a trovare una soluzione definitiva, permangono però problemi in materia di certificazioni.

Appare inoltre discutibile l’assenza di rappresentanti del comune in veste ufficiale alla parata finale: sarebbero presenti due assessori a titolo personale. Il Comune dovrebbe verificare se il protocollo preveda l’utilizzo della fascia tricolore. Tuttavia, l’associazione fa notare che questa è un’eventualità riconosciuta a molte figure istituzionali che sfilano ai Pride di tutta Italia.

Il sindaco, invece, rimane sulla posizione di non partecipare al corteo perché l’evento sarebbe divisivo, coerentemente con quanto dichiarato in campagna elettorale. Non vi è inoltre la volontà di esporre la bandiera arcobaleno su nessun palazzo comunale.

Circa il percorso della manifestazione, l’obiettivo dell’amministrazione è quello di non sospendere il trasporto pubblico locale. Il dialogo rimane tuttavia aperto per valutare insieme tutte le soluzioni assicurando la massima visibilità del movimento LGBTI, garantendo il trasporto pubblico ai cittadini (il quale, per inciso, viene interrotto per altre manifestazioni con apposita deroga). Chiediamo che siano garantite le stesse opportunità a tutti gli eventi organizzati in città.

30 marzo 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs