Regione

Regione, Giornata impegno contro le mafie, flash mob degli studenti di Varese e Busto

regioneTra le vittime della mafia, spesso non ricordati abbastanza, ci sono anche gli uomini delle scorte. Sono loro al centro dei tanti lavori, realizzati dagli studenti delle scuole lombarde, che saranno presentati a Palazzo Pirelli in occasione della “Giornata regionale dell’impegno contro le mafie e in ricordo delle vittime”.

Le celebrazioni dell’evento, reso istituzionale con la legge 17/2017, si terranno lunedì 20 marzo, a partire dalle 9,30, presso l’Auditorium Gaber. La giornata è promossa dalla Commissione Speciale Antimafia in collaborazione con il Comitato tecnico-scientifico per la legalità e il contrasto alle mafie.

L’apertura dei lavori vedrà gli interventi del Presidente del Consiglio regionale, Raffaele Cattaneo, dell’assessore regionale alla Sicurezza, Simona Bordonali, e di Roberto Proietto, dirigente dell’Ufficio scolastico regionale.

Alle 9,45 è prevista la presentazione della giornata da parte del Consigliere Gian Antonio Girelli, Presidente della Commissione Speciale Antimafia, e di Nando Dalla Chiesa, Presidente del Comitato tecnico-scientifico.

Il ricordo degli uomini delle scorte, vittime degli attentati mafiosi, avrà come protagonisti studenti dell’Isitituto Marignoni-Polo di Milano, dei licei Manzoni (Milano), De Andrè (Brescia) e Volta (Milano), e dell’Istituto Gentileschi di Milano.  Seguiranno le testimonianze di un rappresentante del servizio scorte dei Carabinieri, di Concetta Mauro Martinez, moglie di Antonio Montinaro (scorta del giudice Falcone), del tenente Emanuele Schifani, figlio di Vito Schifani (scorta del giudice Falcone) e di Alessandro Antiochia, fratello di Roberto Antiochia (scorta del vice questore Cassarà). Conclusioni affidate alla studentessa universitaria Martina Greco (Associazione Unilibera) e a Gian Antonio Girelli.

In occasione della Giornata si terrà un flash mob a cura del Centro per la legalità di Varese e del Corpo di ballo del liceo coreutico “Pina Bausch” di Busto Arsizio.

 

19 marzo 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi