Varese

Varese, Festa dell’Unità d’Italia, il Premio Giovanni Valcavi a padre Terruzzi

Padre Terruzzi, direttore di Radio Missione Francescana

Padre Terruzzi, direttore di Radio Missione Francescana

Il presidente dell’associazione “Varese per l’Italia-26 maggio 1859″, Luigi Barion, ha ricordato il lavoro fatto dall’associazione negli ultimi anni, nel silenzio, spesso controcorrente in era lumbard. “Oggi festeggiamo anche la nostra vittoria”, ha detto Barion aprendo il momento ufficiale della festività di oggi 17 marzo: Festa nazionale dell’Unità d’Italia e del Tricolore.

Trecento ragazzi, dentro e attorno al Salone Estense, sono giunti dal territorio cittadino e provinciale per partecipare al momento finale della giornata di oggi, che li ha visti visitare i luoghi risorgimentali della città giardino. “Bene ha fatto l’associazione a promuovere questa iniziativa – commenta il sindaco Davide Galimberti – dato che l’unità è un tema più che mai attuale, ed è importante contribuire a rafforzarla”. Con lui ha preso la parola anche il Prefetto Giorgio Zanzi e la professoressa Margherita Giromini.

Al termine della manifestazione, in cui si sono esibiti i trenta elementi dell’Orchestra Giovanile Studentesca diretta dalla professoressa De Giorgi, si è svolta la cerimonia della consegna del tricolore alle scuole intervenute alla manifestazione.

E’  stato infine consegnato il premio intitolato a Giovanni Valcavi a padre Gianni Terruzzi, dei Cappuccini di Viale Borri, da anni impegnato nell’esperienza di Radio Missione Francescana, di cui è direttore, uno degli strumenti di informazione – con Rmf online, diretta dall’ottimo Max Lodi – più apprezzati dentro e fuori dal mondo cattolico varesino.

 

17 marzo 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, Festa dell’Unità d’Italia, il Premio Giovanni Valcavi a padre Terruzzi

  1. Rodolfo il 17 marzo 2017, ore 20:13

    JUSTO RECONOCIMIENTO.MAS AUN A NOMBRE DEL AMADO DR.GIOVANNI VALCAVI,DE FELIZ MEMORIA,EN BOLIVIA Y ARGENTINA.Rodolfo

  2. R. Gervasini il 18 marzo 2017, ore 17:38

    Non c’è piu’ di religione. Dei garibaldini premiano un frate e presto andranno a festeggiarlo nel Convento di Viale Borri con le redazione di RMFonline e Radio Missione Francescana. Non si era mai visto. I veri garibaldini, quelli che combatterono nel Risorgimento, erano piu’ propensi a “frequentare” i conventi femminili. Erano dei Brighella. Un grande abbraccio a padre Gianni.

Rispondi