Varese

Varese, Città capitale giovani 2018, giovani consiglieri d’opposizione all’attacco

Gli esponenti dei partiti e dei gruppi di opposizione

Gli esponenti dei partiti e dei gruppi di opposizione

Lunedì sera nel Salone di Palazzo Estense si sono riunite oltre 100 persone per la presentazione del progetto con cui il Comune di Varese candiderà la città a capitale dei giovani. Molti sono stati i temi trattati dai giovani consiglieri di maggioranza e dall’Assessore Strazzi, ma tra i giovani delle opposizioni emergono alcuni dubbi.

Il consigliere leghista Marco Pinti critica soprattutto il mancato invito del responsabile provinciale del Coni, Marco Caccianiga. “Dispiace, inoltre – aggiunge Pinti – come nella relazione non si sia fatto praticamente cenno ai tanti progetti degli ultimi anni: dalla costruzione del nuovo spazio giovani del 2010 fino a Take Care che è un progetto pionieristico preso ad esempio in tutta Italia.”  Peraltro, conclude Pinti “con Fisco le politiche giovanili di Varese rischiano di tornare all’anno zero, e di produrre risultati zero.”
Forza Italia, nella persona del Consigliere Calemme, chiede più concretezza soprattutto per quanto riguarda il punto di vista economico: “Le iniziative proposte dai colleghi Cocchiere, Fisco e Pepe – dice Carlotta Calemme – possono anche essere interessanti, ma c’è bisogno di più concretezza: quali e quante sono le risorse economiche messe a disposizione per questo progetto? Non dobbiamo dimenticare che tra pochi giorni in Consiglio Comunale si discuterà il bilancio e le spese necessarie la candidatura dovranno essere espresse chiaramente.”
Sulla stessa linea dei colleghi di opposizione, il consigliere della Lista Orrigoni: Luca Boldetti pone l’accento sull’importanza di conoscere la copertura economica necessaria ,anche nei prossimi anni, per le iniziative inserite all’interno del Progetto che sarà presentato a fine mese. Anche lui, infine, ricorda le attività già presenti sul territorio.
Una voce si alza anche tra le associazioni politiche giovanili :il coordinatore cittadino dei giovani di Forza Italia Stefano Colombo Garoni, sulla stessa linea dei rappresentanti di opposizione chiede più chiarezza in merito ai finanziamenti.
Più critico il responsabile dei Giovani Padani Stefano Angei, il quale teme che tutte le proposte presentate ieri sera dai Consiglieri di Maggioranza possano rimanere tali : “Spot in pieno stile PD, ma poca concretezza. La paura è che nulla di tutto ciò potrà mai realizzarsi.”

14 marzo 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi