Varese

Varese, Discorso del Re Bosino su Caserma, Molina e antenne sul Grand Hotel

Il discorso del Re Bosino-Borgato

Il discorso del Re Bosino-Borgato

Come da tradizione, nel pomeriggio, in piazza Repubblica, i varesini hanno assistito a due momenti imperdibili: la riconsegna delle chiavi della città dal Re Bosino al sindaco di Varese, e il discorso alla città del Re Bosino.

Prima il grande Natale Gorini e oggi Antonio Borgato, entrambi poeti dialettali di vaglia, il Re Bosino – affiancato dal Regiù della Famiglia Bosina e dal mitico Pin Girometta, maschera della città – pronuncia un discorso alla città in vernacolo (puro bosino al 100%) per segnalare ritardi, errori, problemi della città riconsegnata al primo cittadino.

In pochi minuti, dal balcone di piazza Repubblica, Borgato ha elencato una serie di punti che sono all’ordine del giorno: dalla sconfitta della Lega e dalla vittoria di Galimberti alla risistemazione di piazza Repubblica e della Caserma Garibaldi, dal Bernascone che perde pezzi alle polemiche sul Molina, fino alle antenne sul Grand Hotel Campo dei Fiori, alla manutenzione delle strade e alla sicurezza di notte in città. Per concludere in modo posiitivo: “Varées l’è inscì bèla, ghe manca dumà pocch,/ e la qualità dra vita saress mei ‘n tocch”.

Del tutto inusuale la replica del sindaco al Re Bosino: “Ringraziando il Re Bosino, voglio assicurarlo che faremo tesoro delle sue segnalazioni”.

 

Ecco il testo in vernacolo e la traduzione in italiano:

Donn e tusann, oman e fiö, gent da Varées

dul lagh, dra muntagna, dul centro e di paes:

Busìtt, va salüdi! Sii vegnüü propri in tanti

dai sìit chi visìn e da quei püssée distant.

 

L’è bell quell da good ‘l carneval in cumpagnìa,

donn, oman, inscì: tücc viscur e in alegrìa.

Un divertimént inscì ‘l léva via da doss

i crüzzi e i fastìdi, ànca quéi püssee gross.

 

L’è stai ‘n gran spetàcul a girà par i stràa

pién da bèla gent, fiö piscinitt mascuràa.

Caruzzùni, müsica, balerìn, burdèll

pa’l vost Re Busin gh’è nagott da püssée bèll.

 

Manca propri niènt, podi dill propri da bùn!

Dal mumént ca pàrlum di nòstar tradiziùn

vöri dì la mia, senza tropp pregiudìzzi

e segund l’üsanza, di facc dul Municìpi.

 

Dopu vutaziùn e balutàgg, l’ann passàa,

l’aucàtt Galimberti vincidür (l’è) risultàa.

E inscì l’è süccèss che dopu vintitrìi ann

l’ha perdùu ul partìi du l’Alberto da Giussan.

 

Mi sun Re e par mi gh’è dumà la munarchia,

mi capissi pocch di robb dra demucrazia,

ma parchè la gent, quand sa tratta da vutà,

va par dì la sua pocch püssée dra metà?

Dèss inscàmbi tücc sa specian gran cambiament:

dopu men d’un ann, sa po mia da cert parténd!

Saress ‘mè in dul sport, quand cambien alenadùur,

che anca i bròcch diventen, da sübit, di campiùn.

 

Parlém mia da sport, dul fotball e quéi robb lì,

‘chè ‘l Varées a’l giüga dumà in serie Dì;

e chè quei dul basket, anbén in serie A,

portan nanca adré i sciavàtt a quei di ann passàa.

 

S’eri ‘drée a discütt dra nostra “ròba püblica”:

vegn in ment da sübit ra piazza Repubblica.

Giügh di bòcc, teàtar, bibliutéca e marcàa

al camp di cènt pèrticch sémm sèmpar a turnàa.

 

I disègn hin tanti, i danée hin sèmpar pocch,

sperém da fa mia i robb un tant al tòcch!

Gh’è da cuntentass: hann metüü ‘sta pruibiziùn:

sa pò no fa sciàmbula, béev, fà culaziùn!

 

Par quatà i brütéz di müür ch’hinn ‘drée a crudà

gh’è ‘n’iniziatìva che ‘n port la po andà;

se i danée ‘n quaivün i tìra fö dul burzìn

sa métt ‘n gran diségn tacàa sü ‘l baltruschìn.

 

In la cà dul Pinocchio sa pudéva truvà

fögh e caminétt süra ‘n müür pitüràa,

vuréss mia ‘l ciél che (d’ra) bibliotéca o àlter

restàss sulamént ‘l diségn e nagott d’àlter.

 

L’è ‘drée andà a tocch financa ‘l gran Bernascun!

Hann metüü ‘na réet, parchè sia da pruteziùn.

Ul nost campanin l’è, du la cità, l’unùur

saréss un pecàa fà ‘n tort al nòst prutetùr

 

Già ca semm adré a discütt di nostar robb bell

spendi ‘na paròla sul gluriùus Grand Hotel.

Hin stai a fa ‘n film, un “remake” d’un hòrror vécc

l’oròr dabun l’è lassà sü i antènn sul técc.

 

I rogn sempar prunt, l’è mia ‘l càas da fà manfrina,

hin finìi da mèzz fìna i vegìtt dul Molina!

Mi pensi dabùn, vöri no fà ‘na critica,

l’è mia propri ‘l càas: mis’cià cüür e politica.

 

Saress da parlà da manütenziùn di stràa,

du la sicürezza da nocc par la cità.

Varées l’è inscì bèla, ghe manca dumà pocch,

e la qualità dra vita saress mei ‘n tocch.

 

Ho parlàa anca tropp, mo va lassi in cumpagnia:

di amiis, vost da cà… e par finì in alegria,

mi va racumandi: un bun bicer da vin,

par fa tücc cin-cin … insema al vòst

Re Busin

 

Traduzione in italiano:

Donne e ragazze, uomini e ragazzi, gente di Varese,

del lago, della montagna, del centro e dei paesi:

Bosini, vi saluto! Siete venuti proprio in tanti

da luoghi qui vicini e da quelli più distanti.

E’ bello godere il carnevale in compagnia,

donne, uomini, così: tutti vivaci e in allegria.

Un divertimento come questo toglie di dosso

i crucci e i fastidi, anche quelli più grossi.

E’ stato un grande spettacolo girare per le strade

piene di belle persone, bimbi mascherati.

Carri, musica, ballerine, chiasso:

per il vostro Re Bosino non c’è nulla di più bello.

Non manca proprio niente, posso dirlo veramente!

Dal momento che si parla delle nostre tradizioni

voglio dire la mia, senza troppi pregiudizi

e secondo l’usanza, dei fatti del Municipio

Dopo votazione e ballottaggio, l’anno scorso,

l’avvocato Galimberti è risultato vincitore.

E’ successo così che dopo ventitré anni

ha perduto il partito dell’Alberto da Giussano.

Io son Re e per me c’è soltanto la monarchia,

ne capisco poco di democrazia,

ma perché, quando si tratta di votare,

la gente che va a dir la sua è poco più della metà?

Adesso, viceversa, tutti s’aspettano grandi cambiamenti:

dopo meno d’un anno, non si può certo pretendere!

Sarebbe come nello sport, quando cambiano allenatore,

che anche i brocchi diventino, da subito, dei campioni.

Non parliamo di sport, del calcio e quelle cose lì,

dal momento che il Varese gioca soltanto in serie D;

e che la squadra del basket, sebbene in serie A,

non è proprio all’altezza di quella degli anni passati.

Stavo però discutendo della nostra “cosa pubblica”:

mi viene subito in mente la piazza Repubblica.

Gioco delle bocce, teatro, biblioteca e mercato

finiamo sempre per tornare al campo delle cento pertiche.

I progetti sono tanti, i soldi sempre pochi,

speriamo che si facciano le cose con maniera!

Ci si deve accontentare: hanno messo questa proibizione:

non vi si può far baldoria, bevicchiare, bivaccare!

Per nascondere la bruttura dei muri che crollano

c’è un’iniziativa che può andare in porto:

se qualcuno sborsa i quattrini necessari

si monterà un gran disegno sui ponteggi.

Nella casa di Pinocchio si poteva trovare

fuoco e caminetto pitturati sul muro.

Non volesse il cielo che della biblioteca o altro

restasse solamente il disegno e nient’altro.

Sta andando a pezzi persino il grande “Bernascone”!

Hanno messo una rete, a mo’ di protezione.

Il nostro campanile è l’onore della città,

sarebbe un peccato fare un torto al nostro protettore!

Dal momento che stiamo discutendo delle nostre cose belle

spendo una parola sul glorioso Grand Hotel.

Sono stati là a girare un film, un “remake” d’un vecchio “horror”;

l’orrore, veramente, è lasciare sul tetto quelle antenne.

Le difficoltà ci sono sempre, non è il caso di fare manfrina,

sono finiti di mezzo perfino i vecchietti del Molina!

Io penso, davvero, non voglio fare una critica,

non è proprio il caso di mischiare cura (degli anziani) e politica.

Bisognerebbe parlare di manutenzione delle strade,

della sicurezza di notte per la città.

Varese è così bella, non le manca che poco

e la qualità della vita sarebbe molto migliore.

Ho parlato anche troppo, ora vi lascio in compagnia:

degli amici, dei familiari… e per finire in allegria,

io vi raccomando: un buon bicchier di vino,

per fare tutti “cin-cin” … insieme al vostro

Re Bosino

 

 

 

 

 

 

 

11 marzo 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs