Varese

Varese, Nasce il nuovo Polo museale del Sacro Monte, mostre e incontri

sacromonteeeee2A partire da marzo 2017 le realtà museali del Sacro Monte di Varese riprenderanno la loro attività con aperture stagionali rinnovate ed interessanti novità. É nato infatti il nuovo Polo Museale del Sacro Monte di Varese, creato dall’unione di tre luoghi identificativi del Sacro Monte: il Museo Baroffio e del Santuario, la Casa Museo Lodovico Pogliaghi e la Cripta.

Il nuovo polo museale garantirà ai visitatori una più ampia e coordinata offerta culturale, consentita e facilitata da un lavoro di coordinamento e sinergia fra le diverse realtà e dall’unificazione della bigliettazione e degli orari di apertura e visita.

I tre musei rimarranno aperti al pubblico da marzo a novembre 2017, tutti i sabati e le domeniche dalle ore 10.00 alle ore 18:00.  Il Museo Baroffio e la Cripta del Santuario riapriranno al pubblico sabato 4 marzo 2017.

La riapertura della Casa Museo Lodovico Pogliaghi è invece prevista per sabato 18 marzo. Nella giornata di domenica 19 marzo si terrà inoltre la presentazione del libro I Rigola. Scultori per il Duomo di Milano a cura di Carlo Marelli. L’evento si aprirà con il saluto istituzionale di Don Alberto Rocca e si chiuderà con un focus sulla Porta del Duomo di Milano.

Inoltre, la Cripta seguirà i nuovi e rinnovati orari di apertura del Museo Baroffio, garantendo così una maggiore fruibilità della stessa. La biglietteria della Cripta sarà spostata all’interno dello stesso Museo ed entrambi saranno visitabili, oltre al sabato e alla domenica, anche infrasettimanalmente da mercoledì a venerdì dalle ore 14.00 alle ore 18.00.

Altra importante novità è data inoltre dall’introduzione di una nuova ed unica bigliettazione per i tre musei, che agevolerà la circolazione dei visitatori all’interno delle diverse realtà museali del Sacro Monte. Per ciò sono stati introdotti il biglietto cumulativo per i tre musei (12 €) e il cumulativo famiglia sempre per i tre musei (36 €), entrambi con validità di sei mesi.

Per quanto riguarda la bigliettazione ordinaria, le tariffe saranno le seguenti: biglietto intero per singolo museo: 5 €; biglietto ridotto per singolo museo (per bambini 4-12 anni, per gruppi sopra le 10 persone e per convenzioni attive): 3 €. Il costo ridotto per le visite guidate in Cripta è previsto per bambini dai 4 ai 12 anni; biglietto famiglia per singolo museo (2 adulti + 2 bambini): 12 €; biglietto gratuito: bambini 0-4 anni, disabili, guide turistiche nell’esercizio della professione.

Si ricorda inoltre che il Centro Espositivo Mons. Pasquale Macchi alla prima cappella continuerà a mantenere il suo orario di apertura e accoglienza al turista, visitatore e pellegrino: tutti i sabati e le domeniche dalle 9.00 alle 16.00 ad ingresso libero. Il visitatore verrà accolto, ricevendo informazioni di tipo turistico e culturale sul Sacro Monte di Varese e potendo visitare la ricca collezione d’arte appartenuta a Mons. P. Macchi, esposta nei suoi ambienti.

In occasione della sua riapertura, sabato 4 marzo, si terrà alle ore 16.00 l’inaugurazione della mostra Segni del Sacro: Sante Martiri – Donne forti di ogni tempo della giovane artista Francesca Vitali Boldini.

Mercoledì 8 marzo alle ore 18.00, inoltre, sempre presso il Centro Espositivo e in linea con il messaggio della mostra temporanea esposta fino al 7 maggio, si terrà l’incontro Donne di ogni tempo: dialogo e visita alla mostra con la presentazione delle opere da parte dell’artista e interventi di approfondimento e sensibilizzazione sulla tematica della violenza sulle donne, tenuti dal Maggiore Gerardina Corona, Comandante della Compagnia Carabinieri di Varese, dall’Assessora alle Pari Opportunità del Comune di Varese, Rossella Dimaggio, e dalla Consigliera di Parità provinciale, Luisa Cortese.

27 febbraio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, Nasce il nuovo Polo museale del Sacro Monte, mostre e incontri

  1. Bruno Belli il 27 febbraio 2017, ore 17:22

    Caro direttore,
    una notizia che si legge con massimo piacere e con soddisfazione.
    Complimenti davvero a chi gestisce i tre Musei del Sacro Monte per questa iniziativa che risponde in modo concreto ad una delle possibilità per una vera valorizzazione del Sacro Monte.
    Ottima la serietà con cui si è lavorato, senza troppi clamori, ma con certosina concretezza – del resto già ampiamente dimostrata negli anni – da chi gestisce i tre luoghi identificativi del Sacro Monte: il Museo Baroffio e del Santuario, la Casa Museo Lodovico Pogliaghi e la Cripta.

Rispondi

 
 
kaiser jobs