Varese

Varese, Commissione Aspem Reti, Cipolat e Conte replicano al forzista Leonardi

Il Pd Luca Conte

Il Pd Luca Conte

Leggiamo senza sorpresa le piccate analisi in merito al nostro operato quali presidenti della commissione bilancio e sport da parte del Coordinatore cittadino di Forza Italia Roberto Leonardi.

Senza sorpresa poiché i medesimi rilievi ci sono già stati fatti, per ben due volte, dal capogruppo in Consiglio comunale Simone Longhini, cui abbiamo già due volte fornito risposta.

Per questo tali affermazioni non meriterebbero ulteriore commento, se non fosse che Leonardi aggiunge di ritenere non solo “arroganti” le nostre scelte, ma “un’altra prova di una crescente opacità della promessa di trasparenza della nuova maggioranza in consiglio comunale”.

Sono queste parole che non possiamo accettare, avendo noi agito nella più stretta osservanza delle nostre prerogative e della normativa vigente, convocando una commissione congiunta proprio all’insegna della massima trasparenza.

Sarà tuttavia certamente sfuggito a Leonardi che oggetto della convocazione di martedì sera era la gestione della piscina della Schiranna nel suo complesso e non il comportamento del precedente amministratore unico nello specifico.

Non vi era quindi alcun motivo per invitare altri, se non l’attuale amministratore unico Alfonso Minonzio, il quale si è poi dilungato sulla situazione trovata al suo insediamento, anche a seguito di domande specifiche di singoli commissari. L’invito a Ciro Calemme avrebbe snaturato la commissione trasformandola, nei fatti, in una commissione d’inchiesta, organismo previsto, ma ben diverso da quello da noi presieduto.

A ciò si aggiunga che, se oggetto della commissione fosse stato il comportamento dell’esponente del loro partito (come Leonardi e Longhini sembrerebbero sostenere), la convocazione e la gestione della commissione sarebbe stata, invero, assai diversa: la seduta sarebbe stata probabilmente segreta, la stampa non sarebbe potuta essere presente e, spiace dirlo, proprio uno dei commissari di Forza Italia presenti avrebbe corso il rischio di violare l’art. 74 comma 3 del Regolamento del Consiglio comunale prendendo parte alla seduta.

Siamo certi pertanto di aver agito in piena correttezza e riteniamo invece di condividere l’unica affermazione condivisibile di Leonardi, ovvero l’invito alle autorità competenti a fare al più presto chiarezza sui conti di Aspem reti. Quella sarà, se esse lo riterranno opportuno, l’eventuale sede di un contraddittorio.

Paolo Cipolat 

Luca Conte

16 febbraio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs