Varese

Varese, Aspem Reti, Leonardi (FI): il contraddittorio in Commissione fa paura

Il coordinatore Roberto Leonardi

Il coordinatore Roberto Leonardi

La mancata convocazione dell’ex amministratore unico di Aspem Reti Ciro Calemme è un’altra prova di una crescente opacità della promessa di trasparenza della nuova maggioranza in consiglio comunale.

Premesso che nel merito c’è solo da attendere gli esiti dei procedimenti avviati dinanzi alla Procura e alla Corte dei conti e premesso anche che il mio pensiero in questo caso supera l’appartenenza politica, è il metodo di lavoro che mi preoccupa e che contrasta con il rinnovamento promesso per Varese.

È evidente che la commissione congiunta che si è riunita ieri per affrontare anche il caso Aspem reti non era una commissione d’inchiesta ne’ tantomeno un processo, ma una ordinaria convocazione di due commissioni politiche/istituzionali. Tuttavia questo, a mio avviso, non impediva, o quantomeno era opportuno, un semplice “contraddittorio politico” tra l’amministratore uscente e quello attuale dinanzi ai commissari e al sindaco, e questo per chiarezza, per trasparenza, per completezza d’informazioni che avrebbero solo arricchito il dibattito politico dei commissari, i quali avrebbero avuto informazioni non unilaterali per maturare con cognizione di causa un proprio pensiero politico sulla vicenda. Poi spetterà ad altri dire chi e se ha sbagliato e chi lo ha fatto pagherà!

Invece no, l’arroganza politica che come di consueto si nasconde (male) dietro chi vuole solo apparire democratico ha soffocato ogni forma di contraddittorio, perché il contraddittorio fa solo paura e rischia di mettere in pericolo schemi e obiettivi politici studiati a tavolino da una parte della maggioranza che ormai gestisce politicamente il nostro sindaco senza dargli tregua.

Quindi, come spesso accade, chi promette di cambiare tutto, in realtà vuole (o è costretto a) cambiare solo quello che fa comodo cambiare.

Roberto Leonardi - Coordinatore cittadino di Forza Italia 

15 febbraio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs