Varese

Varese, Serata dedicata al nuovo Pgt. Ma i cittadini parlano di semafori e fogne

Un momento della serata di ieri con - da sinistra - Gardelli. Civati e De Simone

Un momento della serata di ieri con – da sinistra – Gardelli. Civati e De Simone

Circa un centinaio di persone era presente, ieri, in Salone Estense, per partecipare al primo Forum Vas che doveva illustrare i documenti e acquisire pareri, contributi ed osservazioni in merito alla revisione del Pgt. Pubblico eterogeneo, con una buona presenza di addetti ai lavori, ma non mancavano neppure cittadini comuni che hanno fatto sentire la loro voce.

Obiettivo della giunta Galimberti, presente in sala pur non avendo preso la parola (presenti anche vincesindaco Zanzi e assessore Molinari), quello di giungere ad un documento sui principi fondamentali, che sarà sottoposto – atto non dovuto, ma voluto dal sindaco – prima alla Commissione Urbanistica e poi al Consiglio comunale. Ieri sono stati enunciati questi principi, che poi saranno rielaborati e presentati nel documento.

Al tavolo dei relatori, oltre al dirigente Gardelli, i due assessori Andrea Civati e Dino De Simone. Tra i temi toccati dal super-assessore Pd Civati, un’area di riferimento che va oltre i confini comunali, il Progetto stazioni come cuore del nuovo Pgt, accessibilità al Sacro Monte di Varese con forte investimento sul trasporto pubblico, rigenerazione urbana incentivata, azzeramento del consumo del suolo, valorizzazione delle infrastrutture verdi con collegamento di parchi cittadini e di ville. “Il paesaggio – ha concluso Civati – è il tema principale, perché costituisce l’identità stessa di Varese”.

Una ventina gli interventi dal pubblico, che hanno fatto scendere drasticamente il livello del discorso, concretizzando parecchio il tono del discorso: tra i temi che sono stati toccati quello delle zone di Varese ancora sprovviste di sistema fognario, la “incoerenza morfologica” causata in città dai condoni, problemi legati ad attraversamenti e semafori, problemi legati all’area camper alla Schiranna, inadeguatezza della segnaletica rivolta ai turisti e inadeguatezza della segnaletica riguardante gli utenti dei bus. Insomma, tanti problemi quotidiani che sono parsi piuttosto lontani dall’approccio degli assessori.

24 gennaio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs