Sport

Basket in carrozzina, La Cimberio H.S. espugna Bergamo e vede il traguardo

pallacanestro vareseMontello Bergamo – Cimberio Handicap Sport Varese 44-73 (12-19, 20-37, 30-52)

Montello: A. Pedretti 15, Carrara 6, Belloli, Airoldi 6, Villa; Milesi 6, Binetti 3, Bombardieri 4, Spicsuk 4, Cantamessa. N.e. Canfora, P. Pedretti, Filisetti. All. Ennio Pizzi.

Cimberio H.S.: Damiano 10, Roncari 4, Warburton 20, Marinello, Geninazzi 25; Nava, Silva 6, Diouf 6, Gibbs 2, Sala, Fiorentini. All. Emanuele Pruneri.

Arbitri: Graziani e Restuccia.

Note – Tiri liberi: Montello 7 su 14, Cimberio H.S. 14 su 24.

Nel momento topico della stagione, in una partita praticamente “dentro o fuori”, la Cimberio Handicap Sport ha trovato le risorse per espugnare Bergamo e dare una svolta probabilmente decisiva alla pratica relativa alla salvezza.

Con due retrocessioni da decidere (inutile adesso ipotizzare possibili ripescaggi), la partita contro il Montello rappresentava per la squadra di Emanuele Pruneri un passo assolutamente determinante, anche alla luce della sconfitta di un sol punto patita dai varesini nella gara di andata, nello scorso mese di ottobre.

Sin dalle battute iniziali si è immediatamente compreso che Geninazzi e compagni erano scesi in campo con lo spirito giusto, quello di chi non intende concedere alcunché all’avversario. E così in effetti è stato: il Montello ha goduto dell’ultimo vantaggio sul punteggio di 6-5, poi è cominciata la vittoriosa cavalacata biancorossa, fatta soprattutto di un’ottima difesa che ha “imbavagliato” Andrea Pedretti, leader indiscusso della formazione bergamasca e avversario più temuto: il tiratore bergamasco (secondo miglior realizzatore del campionato a 23,2 punti a partita, 30 punti tondi nella gara di andata a Varese) ha infatti segnato larga parte del suo scarso bottino a gara ormai ampiamente decisa.

Ma anche in attacco la Cimberio H.S. ha saputo sfoderare una delle più positive prove stagionali, con una media di realizzazione superiore al 50 per cento (29 su 57, che nel basket “seduto” è veramente rilevante) e un Geninazzi autentico fulcro della manovra (alla fine 9/16 dal campo, 6/11 dalla lunetta e 10 rimbalzi). Accanto a lui Warburton (8/15 al tiro, 5/6 nei personali, 6 rimbalzi e 6 assist), ma tutti i compagni si sono mossi molto bene in funzione dei due frombolieri.

Così il vantaggio, già congruo a metà gara (20-37), è lievitato con il trascorrere dei minuti sino a sfiorare alla fine quota trenta punti.

Ora però sarà necessario dare seguito alla bellissima impresa di Bergamo battendo sabato prossimo a Varese i sardi del Banco Sardegna Sassari, ultimi in classifioca, prima di partire alla volta della Germania per l’avventura in Champions Cup con il marchio Siloe sulle maglie (3 e 4 febbraio).

I RISULTATI (3a giornata di ritorno)

Santa Lucia Roma – Amicacci Giulianova 53-60

Banca Marche S.Stefano – UnipolSai Briantea 84 Cantù 48-66

Montello Bergamo – Cimberio H.S. Varese 44-73

Banco Sardegna Sassari – Millennium Padova 55-71.

Riposa GSD Porto Torres.

LA CLASSIFICA: GSD Porto Torres punti 20; UnipolSai Briantea 84 Cantù 18; Amicacci Giulianova 14; Banca Marche Santo Stefano 12; Santa Lucia Roma 8; Millennium Padova 8; Cimberio H.S. Varese 6; Montello Bergamo 4; Banco Sardegna Sassari 2.

Banca Marche Santo Stefano, UnipolSai Briantea 84 Cantù e GSD Porto Torres hanno già osservato il secondo turno di riposo.

Da recuperare Amicacci Giulianova- Millennium Padova e Banca Marche Santo Stefano-Santa Lucia Roma.

IL PROSSIMO TURNO (sabato 28 gennaio 2017)

GSD Porto Torres – Banca Marche S.Stefano (ore 16)

Cimberio H.S. Varese – Banco Sardegna Sassari (ore 17)

Amicacci Giulianova – Montello Bergamo (ore 18)

UnipolSai Briantea 84 Cantù – Santa Lucia Roma (ore 20.30).

Riposa Millennium Padova.

 

22 gennaio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs