Varese

Politica, Sole 24 Ore sui sindaci: Galimberti all’80esimo posto. E lui replica duro

Davide Galimberti

Davide Galimberti

Una classifica sui primi cittadini nei capoluoghi di provincia, quella pubblicata dal quotidiano Il Sole 24 Ore, che non è stata accolta tanto a cuor leggero a Palazzo Estense. Se la torinese Chiara Appendino, grillina, ha conquistato la medaglia d’oro, il sindaco di Varese, Davide Galimberti, si è dovuto accontentare dell’80esimo posto.

Il sindaco che ha chiuso la lunga stagione del governo del centrodestra nella città giardino, nella classifica speciale incassa però un gradimento del 50%. Da un punto di vista della nostra regione, Galimberti è penultimo, al nono posto, mentre il primo è il sindaco di Monza Roberto Scanagatti con il 59%.

Non si è fatta attendere il commento che arriva da Palazzo Estense.

Dichiara Davide Galimberti: “Il fatto che il 50% dei varesini sostenga l’attuale amministrazione è un fatto estremamente positivo, è stato mantenuto il consenso del ballottaggio ed incrementato di molto quello del primo turno e questo non era scontato vista la situazione che abbiamo ereditato dopo anni di totale immobilismo e lo scetticismo nei confronti di un’amministrazione di centro sinistra in una città che, non a caso, non ha praticamente mai avuto un sindaco di centro sinistra.

L’incisiva e concreta proposta di cambiamento contenuta nel programma amministrativo che ha portato alla vittoria della coalizione ha bisogno di un po’ di tempo. Nessuno ha la bacchetta magica.

Il sondaggio del Sole 24 ore è stato realizzato a novembre, dopo solo 5 mesi dal nostro insediamento. Nel primo periodo abbiamo messo le basi per cambiare la città e abbiamo ottenuto i primi risultati concreti (finanziamento delle stazioni, riavvio del progetto di piazza Repubblica, riorganizzazione della macchina comunale, variante al PGT, piano del turismo e della cultura) ma per far ripartire Varese davvero serve del tempo.

I cittadini però, giustamente, vogliono rendersi conto con i fatti che molto è cambiato e per fare questo dobbiamo concretizzare i progetti che abbiamo messo in campo e molti altri che sono ancora in fase di elaborazione.

Ogni giorno ricevo costanti incoraggiamenti a proseguire nella direzione assunta, e questo è un ulteriore segno che stiamo facendo bene. Sono sicuro che quando i varesini avranno la possibilità di toccare con mano le cose fatte anche i sondaggi saranno più generosi”.

16 gennaio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti a “Politica, Sole 24 Ore sui sindaci: Galimberti all’80esimo posto. E lui replica duro

  1. ombretta diaferia il 16 gennaio 2017, ore 16:38

    Certo che Appendino sia al top: facile quando erediti una città ben amministrata da tempo.
    La Raggi, infatti, porella, è in coda.

    Forse la ragione del -1.8 dall’elezione del nostro giovane e nuovo sindaco è legata al solo esempio che mi si adduce come elemento di “scontentezza”: il parcheggio di Via Sempione…

    Comunque, 80° su 104 città dopo i primi assoluti cinque mesi di carica politica per Galimberti non è mica male, considerando che nel 2016 Fontana è scivolato al 30° e i risultati son sotto gli occhi di tutti… sopratutto l’eredità lasciata dopo 23 anni di governo…

    Extra moenia, però, mi pongon sempre la stessa domanda “ma perché non urlate ai quattro venti che Varese ha cambiato verso?”
    Forse perché questa è un’Amministrazione giovane e per questo “nova”?

  2. Emiliano il 17 gennaio 2017, ore 13:11

    Per me il Sole 24 ore era in fuorigioco e a Galimberti non è stato concesso il penalty… ;)

    Queste sono le cose serie di cui occuparsi, classifiche e statistiche che lasciano il tempo che trovano, soprattutto a chi ha tempo di occuparsene…

  3. Martino Pirone il 19 gennaio 2017, ore 15:06

    Il mio voto al Sole 24 Ore è un 5 scarso, visto come ha stilato questa statistica !

  4. Cesare Chiericati il 19 gennaio 2017, ore 19:26

    Aveva ragione Attilio Fontana quando contestava le classifiche che collocavano Varese in posizione critica in fatto di qualità delle vita e addirittura di verde. Fa bene Galimberti a non curarsi eccessivamente del gradimento ( un po’scarso) che gli attribuisce il Sole 24 Ore. L’impressione è che queste graduatorie servano più che altro a dare un ventata di visibilità alle testate che le allestiscono. L’errore è di chi – appunto le altre testate giornalistiche con i new media in testa- le prende per oro colato.

  5. Martone il 20 gennaio 2017, ore 15:40

    E gia’, se la classifica e’ favorevole allora e’ attendibilissima e da lodare il lavoro svolto dal classificato Se viceversa e’ negativa allora inattendibile inutile per perditempo L’affermazione classica lascia il tempo che trova non te ne devi curare

  6. Luca Ferrari il 20 gennaio 2017, ore 16:57

    Conviene almeno conoscere come viene costruita questa classifica. La Governance Poll (si chiama cosi) viene misurata partendo dalla percentuale di voto ottenuta dal sindaco il giorno della sua elezione (al primo turno o al ballottaggio). E’ cosi evidente che sindaci che hanno ottenuto percentuali consistenti di preferenza (oltre il 60%), anche davanti ad un calo di consenso, a volte marcato, mantengono comunque ancora un vantaggio rispetto quei sindaci che sono stati viceversa eletti appena sopra il 50%. Questo è il caso di Galimberti, che perdendo l’1,8% di consenso (sono pochissimi i sindaci che hanno aumentato i consensi) scende al 50% complessivo (80° posizione), mentre per esempio il sindaco di Latina pur perdendo oltre il 15% di consensi dal giorno della sua elezione rimane con una Governance Poll del 60% (4° posizione).

  7. Martecca il 23 gennaio 2017, ore 10:28

    poverinoooo…portategli un ciucciotto

Rispondi

 
 
kaiser jobs