Varese

Varese, Gocce riprende con la Molli Bloom di Arianna Scommegna

Maria Scommegna

Arianna Scommegna

Dopo il grande successo dello spettacolo di apertura “Parole Parole Parole”, “Gocce 2017″ prosegue il 5 gennaio 2017, alle ore 21 con il gradito ritorno di Arianna Scommegna sul palcoscenico del Teatro Nuovo. La straordinaria attrice – insignita del prestigioso Premio UBU e del Premio Hystrio all’interpretazione – porterà in scena, per la regia di Gabriele Vacis, lo spettacolo “La Molli. Divertimento alle spalle di Joyce”.

Giovedì 5 gennaio 2017, alle ore 21, al Teatro Nuovo di Varese, ATIR/Arianna Scommegna presenta lo spettacolo La Molli. Divertimento alle spalle di Joyce, un testo di Gabriele Vacis e Arianna Scommegna, regia di Gabriele Vacis con Arianna Scommegna come protagonista.

Sono confidenze sussurrate, confessioni bisbigliate quelle della Molli. Il monologo di Molly Bloom che conclude l’Ulisse di Joyce dal quale Gabriele Vacis – che ne è anche regista – e Arianna Scommegna prendono le mosse, del quale colgono le suggestioni e con il quale continuano a dialogare per tutto lo spettacolo, calando il personaggio in una quotidianità dalle sonorità milanesi e traslando il testo in una trama di riferimenti culturali, storie e canzoni, che hanno il sapore del nostro tempo. Arianna Scommegna è sola sul palcoscenico, seduta al centro della scena; il suo monologo intenso, irrefrenabile, senza punteggiatura, senza fiato, è stretto tra una sedia, un bicchiere poggiato a terra e una manciata di fazzoletti ad assorbire i liquidi tutti, sacri e profani, di un vita di solitudine e insoddisfazione, come una partitura incompiuta. Il fiume di parole è lo stesso flusso di coscienza del personaggio di Joyce che riempie una notte insonne di pensieri e bugie, mentre aspetta il ritorno a casa del marito, Leopold, come la Molli aspetta Poldi.

L’attrice, in bilico tra il romanzo e la vita, ripercorre la propria esistenza di poco amore, infinite attese, occasioni mancate, dal primo bacio a un rosario di amanti da sgranare per mettere a tacere il vuoto, dal dolore di un figlio perduto fino a un finale “sì” pronunciato comunque in favore della vita e dell’amore da una donna mai piegata alla rassegnazione. Le note dolenti si stemperano sempre nell’ironia e in una levità che tutto salva; il testo gioca sempre, costantemente, con il doppio registro denunciato fin dal sottotitolo, “Divertimento alle spalle di Joyce”. Frammenti di vita raccontati in modo ora scanzonato ora disperato, storie di carne e sangue, vita che scorre come  lacrime, che si strozza in un grido o si scioglie in una risata.

 

2 gennaio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs