Varese

Varese, Piazza Repubblica e Caserma, il balzo in avanti del sindaco Galimberti

Da sinistra Galantino, Galimberti, Civati e Gardelli

Da sinistra Galantino, Galimberti, Civati e Gardelli

Sono passati esattamente 12 mesi da quando furono rivelati i due vincitori dei concorsi per piazza Repubblica, ex Caserma e nuovo teatro. Da una parte l’architetto milanese Mauro Galantino, a cui spettava occuparsi di Caserma e piazza, dall’altra lo spagnolo Fernando Pardo Calvo di Madrid cui spettava progettare il nuovo teatro. Questa mattina, passato uno tsunami che ha cambiato sindaco e giunta, si è ripresentato a Palazzo Estense l’architetto Galantino per ripartire con il progetto che ridisegnerà il cuore della città.

Confermato l’Accordo di programma e siglato il Patto per la Lombardia, il sindaco di Varese Davide Galimberti mette a segno un bel colpo. Nonostante le polemiche e gli attacchi, Galimberti ha continuato a tessere in questi mesi, ci ha creduto e ora inizia a portare a casa qualche risultato consistente. “Vogliamo fare presto con la Caserma – dice il sindaco – e nel giro di sei mesi avremo il progetto definitivo. L’architetto Galantino ci offrirà la sua dedizione e la sua professionalità per rendere ancora più innovativo il progetto della caserma”.

Il super-assessore a Pianificazione, Programmazione e Opere pubbliche del Comune, Andrea Civati, parla di un “progetto più essenziale e in grado di risolvere problemi strutturali”. Dice che parlare di biblioteca nella caserma è riduttivo. “Occorre parlare di Polo culturale, che potrà vivere di giorno e di notte”.

Infine è la volta dell’architetto Mauro Galantino che definisce peculiare “un ampio spazio aperto vicino al centro città, un vuoto nel cuore della città. L’ipotesi iniziale era quella di procedere per due-tre fasi successive, mentre oggi ci stiamo impegnando a concentrare in una sola fase il lavoro”. Dunque occorre rivedere il progetto collocandolo in questa mutata situazione. A questo punto l’architetto inizia a parlare di come sarà utilizzata la caserma che diventerà dimora per una biblioteca all’avanguardia e per molto altro, da una sala “multitasking” (da spazio per dibattiti a sala per concerti) fino ad una serie di spazi commerciali.

Le risorse non mancano, dato che si parla di 6 milioni e 750mila euro per la caserma e la piazza, a cui si aggiungeranno, con il Patto della Lombardia, altri 25 milioni per teatro e il resto. Tempistica: tre anni  e mezzo.

Ed è lo stesso Galantino che, al termine della conferenza stampa, parlando con i pochi giornalisti rimasti, sottolinea come positivo “il fatto che una amministrazione di centrosinistra (il Comune) riesca a collaborare con una amministrazione di centrodestra (la Regione). E’ giusto: la città non è di destra, né di sinistra, ma di tutti i cittadini”.

 

16 dicembre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs