Varese

Varese, All’Ospedale Del Ponte dati su parti si aggiornano in tempo reale

L'ospedale Del Ponte

L’ospedale Del Ponte

Ogni anno leggiamo le statistiche ISTAT che fotografano la popolazione italiana definendo numero di nati, i nati da genitori stranieri, i tassi di fecondità, numero di figli per ogni famiglia, età media della donna al primo parto etc. Tutti questi dati socio epidemiologici e sanitari partono dalle sale parto degli ospedali.

Lo strumento che consente la loro rilevazione è il Cedap, un acronimo che sta ad indicare il CErtificato Di Assistenza al Parto, ovvero il documento sanitario che consente la raccolta puntuale di circa cento informazioni per ogni evento nascita. La compilazione di questo documento spetta principalmente alle Ostetriche.

Le informazioni raccolte non sono solo di natura sanitaria e relative al parto, ma anche socio epidemiologiche e riguardano la madre, il padre ed il neonato. Si tratta quindi di una importante banca dati che viene raccolta ormai da anni in sala parto.

All’Ospedale Del Ponte, grazie all’impegno del Direttore del Dipartimento materno infantile, dott.Massimo Agosti, e del Direttore della Ostetricia e Ginecologia A, prof. Fabio Ghezzi, tutte le sale parto sono state dotate di supporti infornatici che consentono di raccogliere ed inviare i dati direttamente via web tramite il programma messo a punto da Regione Lombardia. I dati dalla Regione vengono inviati al Ministero della Salute e successivamente, una volta resi anonimi, all’ISTAT.

Il personale Ostetrico del Del Ponte che è state accreditato dalla Regione per l’utilizzo del programma sta concludendo un corso di formazione organizzato dalla Direzione medica.

Il corso vede la collaborazione e la partecipazione del personale dei tre punti nascita della ASST dei Settelaghi, cioè Ospedale Del Ponte, di Cittiglio e di Tradate.

I dati raccolti rivestono una importante fonte epidemiologica ma ad interessare maggiormente la componente sanitaria sono i dati che riguardano l’evento parto. Ad esempio il numero dei tagli cesarei, le episiotomie, la natimortalità, le eventuali complicanze in sala parto, le malformazioni neonatali.

Il programma Cedap fornisce al personale sanitario dati utili per un miglioramento dei processi assistenziali consentendo una continua revisione delle linee guida nazionali ed internazionali. E’ inoltre uno strumento di banchmarking, ovvero di confronto per un miglioramento tra punti nascita.

 

7 dicembre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs