Varese

Cultura, “Varese a 270°”, la maxi-foto della città giardino scattata da Carlo Meazza

La copertina della pubblicazione

La copertina della pubblicazione

Si chiama “Varese a 270°”, ed è l’ultimo interessante progetto firmato dal fotografo varesino Carlo Meazza. Un progetto che consente, con un colpo d’occhio, di rendersi conto della bellezza della città giardino, ma anche di conoscerla in modo più approfondito rispetto al modo superficiale con cui la guardiamo ogni giorno.

Il progetto di Carlo Meazza consiste in una fotografia panoramica della città giardino realizzata dal campanile di Biumo Superiore. Una fotografia panoramica di quasi tre metri che consente di ammirare edifici, campanili, parchi, alberi. Tanta bellezza di cui si può godere anche perché la città è vista dall’alto, e dunque non possiamo vedere certe strade sporche o le auto parcheggiate ovunque, anche sui marciapiedi.

Una super-foto che è stata resa ancora più avvincente grazie al fatto che ci sono più di 140 indicazioni che danno nome a vette delle Alpi e degli edifici che caratterizzano il paesaggio cittadino. I nomi dei luoghi e delle montagne sono stati indicati da Enrico Piazza, mentre i nomi degli alberi sono stati indicati da Daniele Zanzi.

Ad impreziosire ulteriormente lo scatto di Carlo Meazza una bella antologia sulle parole che a Varese hanno dedicato Luigi Ambrosoli, Piero Chiara, Salvatore Furia, Dante Isella, Guido Morselli, Giovanni Raboni.

La grande fotografia della città giardino si può trovare nelle migliori librerie.

28 novembre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs