Varese

Varese, Tre panchine rosse per celebrare la Giornata contro la violenza sulle donne

Sindaco e assessori dipingono la panchina ai Giardini

Sindaco e assessori dipingono la panchina ai Giardini

Nonostante il meteo inclemente, il Comune di Varese ha celebrato, in modo sobrio e suggestivo, la Giornata contro la violenza sulle donne. E ha scelto un gesto simbolico di forte impatto: colorare di rosso tre panchine per ricordare il valore di un impegno continuo e coerente contro la violenza e i femminicidi.

Presenti alla breve cerimonia il sindaco Davide Galimberti, gli assessori ai Servizi educativi e alle Attività produttive, rispettivamente Rossella Dimaggio e Ivana Perusin, oltre a rappresentanti delle forze dell’ordine ed esponenti di associazioni. Presenti ragazze e ragazzi del Liceo Artistico Frattini e dell’Informagiovani del Comune.

“Il Comune di Varese ha deciso di dipingere di rosso una panchina ai Giardini Estensi – ha spiegato Rossella Dimaggio, assessore ai Servizi educativi del Comune – perché restino vicine ai nostri cuori e nella nostra testa le centinaia di donne uccise da uomini che su di loro agiscono di prepotenza. Lavoriamo perché le donne non si sentano sole. Infatti il Comune di Varese è capofila di una rete anti-violenza. Soprattutto è importante impegnarsi sull’educazione dei giovani, per cambiare il punto di vista sui rapporti tra uomini e donne”.

E’ intervenuto anche il sindaco Galimberti: “Una giornata importantissima per il Paese e per la nostra città. E’ importante che le istituzioni siano in campo e che tutti insieme si faccia fronte a questo problema”.

L’iniziativa di questa mattina, ai Giardini Estensi, di pitturare di rosso una panchina, rientra in un progetto più ampio, che vedrà dipinte di rosso anche una panchina in centro e una davanti al Liceo Artistico. Interviene il preside dell’Artistico, Fabio Giovannetti: “Abbiamo curato un progetto grafico relativo alle tre panchine, ma vogliamo allargarlo a percorsi di riflessione, aiutando i ragazzi a crescere”. Il progetto grafico è curato da due insegnanti, Emanuela Biancuzzi e Alessandra Castelli.

Sono intervenute anche le Forze dell’ordine, rappresentate da Patrizia Coda, dirigente della Squadra anticrimine di Varese, e il maresciallo Leonarda Ricciardi dei Carabinieri. Quest’ultima sottolinea: “Siamo donne oltre a fare parte delle forze dell’ordine, e invitiamo le donne a denunciare ogni episodio di violenza”.

Al termine degli interventi, tutti i partecipanti, con ombrelli, si sono recati presso la panchina e, a turno, l’hanno dipinta di rosso. Sulla panchina un paio di scarpe da donna rosse.

25 novembre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs