Varese

Varese, Referendum, confronto tra Martina e Lupi. Modera un’imprenditrice

Un momento della serata

Un momento della serata

Ieri sera si è svolto, organizzato dal “Basta un sì”, un confronto sul referendum costituzionale del governo Renzi. Protagonisti dell’incontro, che si è tenuto al Teatro Santuccio, il ministro alle Politiche agricole, Maurizio Martina, e il capogruppo di Azione Popolare, Maurizio Lupi. All’incontro, come  moderatrice d’eccezione, la patron del marchio NAU!, Monica Salvestrin, che ha introdotto il confronto con grande efficacia. Alla serata è intervenuto anche il sindaco di Varese, Davide Galimberti.

Un confronto che non ha registrato una grande partecipazione, ma che ha consentito ai due relatori interventi articolati e di ampio respiro. “Tra gli obiettivi di questa riforma – dice Lupi – che si poteva fare un percorso insieme senza essere tifosi e per fare cambiare le cose”. Tra i temi di partenza, condivisi da chi ha partecipato al percorso della riforma, tre temi: “evitare il continuo ping pong per approvare le leggi, superare le materie concorrenti, ridurre il numero dei parlamentari”.

Lupi si è soffermato sull’esito del referendum: “Questa riforma funzionerà? Non metto la mano sul fuoco, ma significa avere costruito un pezzo di strada nuova”.

Ha poi preso la parola il ministro Martina, che ha definito la riforma “una proposta forte di cambiamento al servizio dei cittadini”. Il ministro ha parlato di un “divario devastante” tra i tempi della decisione politica e i tempi delle imprese. “Io guardo alle aziende agricole e la fatica, le lungaggini, i ritardi delle decisioni politiche ordinarie sono inaccettabili”. “Se le istituzioni non riescono ad aggiornarsi – ha concluso Martina -, si allarga sempre di più la frattura con i bisogni popolari”.

19 novembre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, Referendum, confronto tra Martina e Lupi. Modera un’imprenditrice

  1. Rocco Cordì il 19 novembre 2016, ore 17:10

    Il ministro ha parlato di un “divario devastante” tra i tempi della decisione politica e i tempi delle imprese. “ Ecco. Qualcuno gli spieghi la differenza tra una istituzione rappresentativa e un’impresa!

Rispondi

 
 
kaiser jobs