Varese

Varese, Pierluigi Bersani in città per il no, Arci e Anpi a sostegno della serata

Pierluigi Bersani a Varese per il no alla riforma della Costituzione

Pierluigi Bersani a Varese per il no alla riforma della Costituzione

Oggi alla sede provinciale del Coordinamento per la Democrazia Costituzionale (presso Arci Varese), si è tenuta la conferenza di presentazione della conferenza “Ci sono NO che aiutano a crescere”, prevista per il 22 novembre alle 21.00 presso l’auditorium del civico liceo Musicale di Varese. Alla conferenza hanno preso parte esponenti dei partiti e delle associazioni che sostengono il Comitato, tra loro il referente provinciale Mauro Sabbadini (Arci) e la presidente provinciale dell’ANPI Ester De Tomasi.

L’incontro del 22 novembre vedrà protagonisti, oltre al direttore di Varese Report Andrea Giacometti, l’ex segretario del PD e candidato premier Pierluigi Bersani e il presidente regionale di ANPI Lombardia Tullio Montagna.

Si tratterà di un dibattito a tutto tondo, sulle motivazioni di un voto contrario che non vuole essere un voto contro un partito o contro il governo, ma solo sul merito della revisione costituzionale approvata dal parlamento.

“Per ANPI è motivo di orgoglio avere a Varese il presidente regionale Montagna che si è distinto, durante tutta la campagna referendaria, per avere espresso in modo molto chiaro i punti di vista dell’Associazione sulla riforma, senza mai scadere nella polemica politica” , dichiara la presidente De Tomasi:” infatti l’appoccio sempre “contro” che molti hanno inteso dare a questa campagna non è convincente: ANPI si è impegnata a segnalare e ribadire che il voto è sul testo della Costituzione, e sui dubbi che la riforma pone”.

De Tomasi ha ribadito le ragioni di inquietudine che la riforma suscita e che hanno spinto ANPI a prendere posizione, sottolineando altresì che “mentre la Caritas segnala ancora una volta che l’Italia è sempre più confrontata con crescente disagio e povertà, quest’ultima cresciuta al punto da essere definita “terremoto sociale”, la politica si trova confrontata con l’urgenza di assumere decisioni e provvedimenti per contrastare tale fenomeno, è certo che la Costituzione non sia la causa di tali problemi, le riforme e i cambiamenti da percorrere sarebbero stati altri”.

Il referente del CDC aggiunge che “siamo particolarmente soddisfatti della presenza dell’Onorevole Bersani, infatti in una campagna caratterizzata da scontri e personalizzazioni è significativo che a difendere le ragioni del NO intervenga un autorevole esponente del partito di governo, un politico che ha creduto fino all’ultimo di poter migliorare e quindi sostenere la riforma, ma  si è poi dovuto arrendere alla realtà di una riforma controproducente e rischiosa per il futuro del  Paese.”

Durante la serata ci sarà modo di ragionare dei motivi per cui la revisione costituzionale vada respinta, per una migliore solidità della nostra democrazia, per difenre i valori cui la nostra Costituzione si ispira e anche, per dirla in “bersanese”, dei motivi per cui il NO è anche la miglior risposta alla “mucca che sta bussando in corridoio”.

“In una campagna caratterizzata da polemiche e contrapposizioni eccessive – aggiunge Sabbadini- desta qualche rammarico che il fronte del Sì, per strategia elettorale, abbia scelto di privilegiare il confronto con l’opposizione “parlamentare” di Lega e Cinque Stelle, tendendo in qualche modo a delegittimare l’opposizione “sociale” e “tecnica” rappresentata dal CDC di Zagrebelsky, da ANPI, Arci, FIOM e altri soggetti ancora. Credo sia stata un’occasione persa, di confronto “di merito”, soprattutto”.

18 novembre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs