Varese

Varese, Al De Filippi kermesse per il sì, con Serracchiani, Alfieri e Astuti

Da sinistra Serracchiani e Astuti

Da sinistra Serracchiani e Astuti

Il Partito Democratico in provincia di Varese si prepara al Referendum costituzionale di dicembre. Nell’ambito di una giornata di formazione sulla riforma costituzionale, il Partito Democratico Lombardo ha invitato a Varese il vicesegretario nazionale Debora Serracchiani, insieme alla quale i presenti hanno potuto approfondire i contenuti del referendum.
Serracchiani ha fatto una disamina dei contenuti della riforma mettendone in evidenza in particolare: il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione dei costi della politica, la revisione del titolo V.
La vicesegretaria Serracchiani: “Ringrazio molto per l’invito a Varese, dove torno sempre con piacere. La sfida che ci pone il referendum è decisiva: riformare finalmente il nostro Paese. Cogliamo l’occasione per rendere il sistema istituzionale del nostro Paese più semplice ed efficace, senza per questo rinunciare all’esigenza di rappresentatività”.
Il Segretario Provinciale  Pd Astuti: “Ringrazio molto Deborah Serracchiani per essere stata con noi e il Segretario Regionale Alfieri per l’iniziativa odierna.  Serracchiani è molto legata al nostro territorio e più volte ha dimostrato con la sua presenza la vicinanza a Varese e al suo territorio.
In provincia siamo pronti e tonici. Oltre all’attivissimo comitato provinciale, esistono più di 30 comitati per il si e sono state organizzate circa 100 iniziative nelle nostre città e abbiamo costituito un team di giovani che sta presidiando le piazze reali e vituali. Siamo convinti che la Provincia di Varese darà il suo contributo forte in vista del 4 dicembre”
Il Segretario regionale PD Alfieri: “La campagna referendaria è un’occasione per riflettere sui contenuti del testo costituzionale che mira a semplificare le istituzioni e tagliare i costi della politica. È necessario concentrarsi sul merito e non sulla propaganda di parte”.

22 ottobre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, Al De Filippi kermesse per il sì, con Serracchiani, Alfieri e Astuti

  1. domenico nitopi il 22 ottobre 2016, ore 16:19

    Tagliare i costi della politica? Ridicolo. E’ stato calcolato che il ridimensionamento del Senato dovrebbe comportare una riduzione di 50 milioni di euro che, rispetto ad una spesa pubblica annua di 831 miliardi, rappresentano lo 0,0 (boh) %. E, per così poco, andiamo a modificare, in peggio, peraltro, il Senato, uno dei principali organi costituzionali. Se proprio si volesse risparmiare, tagliamo i 193 milioni e i 177 milioni che, all’anno, ci costano i vitalizi, rispettivamente, di parlamentari e consiglieri regionali, per non dire della sforbiciata che ben potrebbe darsi ai loro lauti, ingiustificati stipendi. Ma ciò chi potrebbe proporlo fra quelli presenti alla riunione di oggi?

Rispondi

 
 
kaiser jobs