Regione

Regione, Risorse per mitigare l’impatto dell’Alptransit nel Varesotto

alptransit“Abbiamo stanziato importanti risorse  per risolvere interferenze cruciali tra la rete stradale e  quella ferroviaria nella Provincia di Varese, allo scopo di  rendere piu’ fluido il traffico automobilistico e garantire maggior sicurezza con l’eliminazione di numerosi passaggi a livello”.

Lo ha dichiarato l’assessore di Regione Lombardia al Reddito di  Autonomia, Inclusione sociale e Post Expo Francesca Brianza, al  termine della Giunta che ha deliberato di approvare lo schema di  convenzione tra Regione Lombardia, Provincia di Varese e Rete ferroviaria italiana, per lo sviluppo delle progettazioni degli  interventi prioritari per la risoluzione di interferenze tra la rete stradale e la rete ferroviaria sulle linee Gallarate-Laveno-Luino-Pino e Gallarate-Sesto Calende-Luino.

“Con la delibera di oggi – ha spiegato l’assessore – si sono definiti tempi e costi relativi alle progettazioni degli interventi da attuarsi sulla rete stradale e
ferroviaria come stabilito dallo schema di accordo sottoscritto tra Regione Lombardia, Provincia di Varese e Rete ferroviaria italiana il 15 dicembre dello scorso anno”.

“Lo sviluppo della progettazione per quanto riguarda La provincia di Varese – ha specificato Brianza - prevede la soppressione di 3 passaggi a livello nel Comune di Laveno Mombello, 2 passaggi a livello nel Comune di Luino, 3 passaggi a livello nel Comune di Ispra, 3 passaggi a livello nel Comune di Sangiano, 1 passaggio a livello nel Comune di Maccagno con Pino e Veddasca e 3 passaggi a livello nei Comuni di Taino- Angera

“Per quanto riguarda le tempistiche – ha continua l’assessore – Provincia di Varese e Rete ferroviaria italiana si impegnano a consegnare entro la fine del 2016 i progetti degli interventi che interessano i Comuni di Laveno, Ispra e Luino ed entro giugno 2017 quelli che interessano i Comuni di Sangiano, Taino-Angera e Maccagno con Pino e Veddasca”.

“Si tratta – ha chiosato l’assessore – di una linea ferroviaria particolarmente attenzionata in quanto, entro fine anno, sara’ interessata dai primi passaggi dei treni provenienti dal nuovo corridoio Alptransit e che, con il completamento del traforo del Monte Ceneri, entrera’ a pieno regime”.  ”Questi progetti – ha proseguito – costituiscono delle misure cosiddette mitigative che permetteranno di snellire notevolmente il traffico veicolare grazie all’eliminazione dei passaggi a livello e di conseguenza – ha concluso Brianza- riducendo l’impatto causato dall’incremento del passaggio di vagoni merci su di un territorio a principale vocazione turistica”.

17 ottobre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs