Varese

Varese, “Sport e scuola”, piazza Repubblica si trasforma in una grande palestra

La presentazione dell'evento

La presentazione dell’evento

Grande appuntamento, domani sabato 8 ottobre, in piazza Repubblica a Varese, a partire dalle ore 9.30, con “Sport e scuola. La scuola è una palestra”, organizzata dalla delegazione provinciale del Coni in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Provinciale e il Comune di Varese. Nella piazza si potranno incontrare tanti sport praticati sul territorio, ma anche ottenere tutte le informazioni sulle realtà associative che vivono nel mondo dello sport. Ci sarà una ventina di società sportive e l’invito è stato rivolto ad un migliaio di studenti.

Una bella iniziativa che è stata lanciata in Comune da Marco Caccianiga, delegato provinciale Coni: “Non è una festa dello sport. Arriveranno in piazza Repubblica tanti ragazzi di scuole elementari e medie da tutta la provincia di Varese. E resteranno nella piazza dalle 9.30 alle 16″. “La piazza varesina – continua il Caccia – si trasformerà in una grande palestra per promuovere l’attività sportiva e la cultura dello sport tra i ragazzi. Si presenteranno le attività sportive e ci saranno stand informativi per dare indicazioni pratiche per le attività sportive scolastiche”.

Diretto, Caccianiga, nel parlare dello sport tra i ragazzi: “Per quanto riguarda il calcio, fino ad otto anni praticano sport, poi diventa un mondo a parte, con interessi e dinamiche a sé. Come Coni abbiamo cercato di educare alla cultura dello sport (il titolo dell’iniziativa era Edugol) con un esperimento in cinque località dove si disputavano gare di pulcini ed esordienti”.

Dunque una grande iniziativa, che è stata presentata con i rappresentanti dell’Ufficio Scolastico Provinciale e con il presidente del Consiglio (e rugbista) Stefano Malerba, in rappresentanza del Comune: “Davvero una bella iniziativa. Che porta a riavvicinare il mondo dell’educazione e quello dello sport, che non sono due mondi separati. Due mondi che hanno una funzione di prevenzione per i nostri ragazzi. Il mio auspicio è che tra società sportive, scuole, Comune e Coni possano esserci rapporti sempre più stretti”.

7 ottobre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs