Varese

Varese, Il Pirellone riconosce i negozi storici, ma la città giardino non sale sul podio

piazzamontegrappaNuovi negozi storici riconosciuti dal Pirellone, la provincia di Varese è presente con sette nuovi esercizi, ma risulta evidente l’assenza del capoluogo. Un podio che non vede la presenza della città giardino, dove non mancano, per il commercio, difficoltà e problemi.

Un segnale evidente è quello della progressiva chiusura di molte saracinesche, che sia abbassano definitivamente, lasciando intere vie e luoghi della città prive di esercizi commerciali. Anche in pieno centro, come dimostrano i negozi chiusi via Carlo Robbioni, a pochi metri da Palazzo Estense, oppure via Magenta. Colpite dalla crisi  spesso proprio le storiche insegne del commercio, fagocitate da catene commerciali senza alcun radicamento nel territorio.

Giustamente Mauro Parolini, assessore regionale  al Sviluppo economico, annunciando nuovi  riconoscimenti e l’inserimento nell’apposito Registro regionale  di 48 nuove attività storiche, rimarca come i negozi storici “rappresentano un  patrimonio che vogliamo continuare a valorizzare e sostenere,
perche’ punti di riferimento ed elementi di attrattivita’ per i  centri urbani. Dietro queste insegne molte volte ci sono storie  di vita veramente significative, che raccontano l’identita’  regionale e un modo di fare attivita’ economica in grado di  durare nel tempo, nonostante i morsi delle crisi e i rapidi
cambiamenti imposti dal mercato”.

“E’ dal 2004 – ha aggiunto Parolini – che Regione Lombardia, in accordo con gli Enti locali e le  associazioni di categoria, ha istituito questo  riconoscimento  proprio per tener viva la memoria e premiare la professionalita’ di quelle generazioni di imprenditori che da piu’ di  cinquant’anni hanno saputo unire tradizione e innovazione e  creare con il loro servizio un valore per le comunita’ di  riferimenti”.

Ecco l’elenco dei nuovi riconoscimenti per quanto riguarda la provincia di Varese, dove risulta evidente l’assenza del capoluogo: Busto Arsizio, Petrini, (dal 1921), Storica attivita’; New Look  (dal 1949), Storica attività; Cairate, Eredi Crosta, (dal 1910), Storica attivita’; Fagnano Olona, Fiorista Moroni, (dal 1934), Storica attivita’; Gallarate, Acconciature Mazzucchelli, (dal 1937),  Storica attivita’; Olgiate Olona, Rigolio Belle Arti, (dal 1944), Storica attivita’; Sesto Calende, Limbiati Tempo e Preziosi, (dal 1932), Storica attivita’;  Tradate, Crosta Ezio (dal 1960), Negozio storico.

 

22 settembre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti a “Varese, Il Pirellone riconosce i negozi storici, ma la città giardino non sale sul podio

  1. Emiliano il 22 settembre 2016, ore 13:09

    In una città che non ha battuto minimamente ciglio di fronte alla progressiva scomparsa di esercizi che erano la propria “storia” cosa vuoi dire ancora? Ci sarebbe solo da tacere e nascondersi. Di “storico” è rimasta la Pizzeria Zei e poco altro, ci rendiamo conto?
    Toto-pronostico: chi sarà il prossimo?

  2. Carlo il 22 settembre 2016, ore 17:30

    C’è anche la drogheria Vercellini e il pastificio Cantù.

Rispondi

 
 
kaiser jobs