Varese

Varese, Galimberti e giunta incontrano i sindacati in vista del bilancio

Il sindaco con il segretario generale Cgil Colombo

Il sindaco con il segretario generale Cgil Colombo

Oggi il sindaco di Varese, Davide Galimberti, insieme a una delegazione della Giunta composta dagli assessori Roberto Molinari, Ivana Perusin, Francesca Strazzi, Roberto Cecchi e Cristina Buzzetti, hanno incontrato i rappresentanti delle segreterie confederali di CGIL, CISL e UIL e dei sindacati dei pensionati.

Erano presenti, tra gli altri, Umberto Colombo, segretario generale della CGIL Varese, Antonio Massafra, segretario generale della UIL Varese e Mariuccio Bianchi per la CISL dei Laghi. Al centro di questo primo incontro c’era la discussione sui temi che verranno affrontati all’interno del Bilancio 2017 del Comune di Varese.

“Ho fortemente voluto questo incontro – ha dichiarato il sindaco Davide Galimberti – perché è mia intenzione costruire insieme a tutti gli attori della società civile varesina un percorso partecipato per arrivare alla stesura del Bilancio 2017. Per questo oggi ho voluto incontrare i sindacati iniziando da subito un lavoro di collaborazione”.

L’iniziativa di oggi ha trovato il plauso delle organizzazioni sindacali che unanimemente hanno dichiarato la propria soddisfazione per essere stati ricevuti dal sindaco e da una delegazione della giunta che ha riconosciuto nei sindacati un importante interlocutore per affrontare, in maniera assolutamente rispettosa dei diversi ambiti di rappresentanza, temi di rilevanza economico sociale. Al termine della riunione l’amministrazione comunale e i rappresentanti dei sindacati hanno concordato di stabilire una modalità di consultazione reciproca, da qui ai prossimi mesi, prima dell’approvazione del Bilancio 2017, al fine di poter individuare e discutere i temi economico sociali di rilevanza e di interesse per l’intera cittadinanza.

“Sono molto soddisfatto di questo primo incontro – ha proseguito Galimberti – da oggi introduciamo un nuovo modo di affrontare tematiche tanto importanti per la città e i varesini, coinvolgendo i diversi attori della società civile per un percorso che sia il più partecipato possibile nell’interesse di tutti i cittadini. Oggi più che mai c’è bisogno di aprire un confronto che coinvolga tutti sulle tematiche sociali, economiche, educative e culturali. Oggi è l’ennesimo esempio di un cambio di stile che intende coinvolgere l’intera città sul futuro di Varese”.

20 settembre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs