Varese

Varese, Mirabelli (Pd): sul Molina necessaria al più presto audizione in Consiglio

Il Pd Fabrizio Mirabelli

Il Pd Fabrizio Mirabelli

Mi fa, sinceramente, piacere che i neo-consiglieri comunali Andrea Bortoluzzi e Mauro Gregori abbiano, finalmente, potuto recarsi in visita all’Istituto Molina.

Il fatto, tuttavia, che siano stati ricevuti “con curiosità e attenzione” dagli amministratori nominati dall’ex sindaco Fontana ai quali hanno addirittura potuto chiedere “direttamente” notizie su quanto è accaduto e sta accadendo ad un ente tra i più amati e beneficati della città, non può che darmi da pensare visto che il Molina è una fondazione di diritto privato ma a controllo pubblico e, quindi, simili occasioni, fatta salva la sacrosanta autonomia dell’ente, dovrebbero rappresentare non una benevola concessione ma la normalità.

Del resto, mi pare di capire che Bortoluzzi e Gregori, evidentemente per un eccesso di cortesia, abbiano evitato di rivolgere agli amministratori del Molina proprio le uniche due domande che, in questo momento, interessano, davvero, ai varesini ovvero quella sul prestito obbligazionario e quella sulla presunta volontà di modificare lo Statuto senza il doveroso coinvolgimento del Comune di Varese.

Per fortuna grazie alla mia mozione, sottoscritta da ben 22 consiglieri comunali, sia di maggioranza che di opposizione, queste due domande le potrà rivolgere il Consiglio comunale direttamente al presidente Campiotti, quando sarà calendarizzata la sua audizione in aula.

Il presidente del Consiglio comunale Stefano Malerba, infatti, lunedì 29 agosto, gli ha rivolto un preciso invito in tale senso.

Sono sicuro che al presidente Campiotti, non sfugga la differenza tra una visita privata di due consiglieri comunali e un’audizione pubblica presso l’assemblea che rappresenta tutta la città di Varese.

Do’ per scontato, pertanto, che, sebbene non abbia ancora trovato il tempo per rispondere al nostro invito di venire in Consiglio comunale, non avrà difficoltà a farlo al più presto, esattamente come hanno fatto, anni fa, il direttore generale dell’Azienda ospedaliera di Varese, dott. Callisto Bravi e il rettore dell’Università dell’Insubria Alberto Porisini Coen.

E’ evidente come la buona amministrazione e la trasparenza non possano che trarre giovamento da questa sua sensibilità istituzionale.

Fabrizio Mirabelli

Consigliere comunale PD

16 settembre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs