Cuvio

Cuvio, Alla Mascioni no dell’assemblea dei lavoratori all’accordo

mascioniSi è riunita in data odierna l’Assemblea dei lavoratori della Mascioni S.p.A. chiamata a esprimersi relativamente alla nuova proposta formulata dai vertici dell’azienda alle Organizzazioni Sindacali alla fine dello scorso mese di luglio.

Tale proposta – presentata dall’azienda dopo aver recepito alcune indicazioni avanzate da parte delle RSU (Rappresentanze Sindacali Unitarie) – è stata rigettata dall’Assemblea dei lavoratori.  In dettaglio, essa prevedeva una significativa riduzione del numero degli esuberi e un incremento consistente dell’incentivo all’esodo, e ciò anche grazie alla proposta delle RSU di sospendere per un triennio l’erogazione di alcuni elementi retributivi previsti dalla contrattazione collettiva.

L’azienda prende atto con stupore e rammarico dell’esito della votazione da parte dell’Assemblea dei lavoratori che, non tenendo conto dell’ampia apertura dimostrata dalla società anche rispetto alle indicazioni delle RSU, rappresenta un deciso passo indietro nel negoziato in corso con le Organizzazioni Sindacali e, di conseguenza, un rallentamento nell’attuazione del piano di rilancio della Mascioni S.p.A.

Si ricorda inoltre che la riduzione dell’attuale organico, determinata dall’esubero strutturale dei lavoratori in forza alla Mascioni, è parte integrante e, come tale, inevitabile del piano concordatario che l’azienda si è impegnata a rispettare nei confronti dei creditori per garantire le condizioni necessarie alla sua permanenza nel mercato di riferimento.

In linea con tale piano, tra l’altro, l’azienda ha già ottenuto significativi risultati nel primo semestre del 2016, tra i quali la stabilizzazione del fatturato, l’aumento della produttività, l’alienazione dei macchinari obsoleti e l’avvio dei processi che porteranno alla riduzione degli spazi coperti dedicati alla produzione e ad una maggiore efficienza energetica.

5 settembre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs