Varese

Varese, Il ministro Martina al sindaco: fate conoscere di più e meglio la vostra bella città

Da sinistra l'assessore Civati, Martina e Galimberti

Da sinistra l’assessore Civati, Martina e Galimberti

C’è la gran parte degli assessori, insieme al sindaco Galimberti, nell’ufficio del primo cittadino a Palazzo Estense. Oltre a loro sono presenti anche l’onorevole Maria Chiara Gadda, i segretari del Pd regionale, Alessandro Alfieri, e cittadino, Luca Paris. Tutti per incontrare il ministro Maurizio Martina, che con la sua presenza dimostra quanto si stiano rafforzando i rapporti tra il capoluogo e le istituzioni nazionali. Un rapporto più forte in vista di un futuro che è tutto una sfida per i territori.

E’ lo stesso Galimberti a ringraziare il ministro. “Con lui abbiamo iniziato a ragionare sulle possibili ricadute su Varese del progetto che sta prendendo corpo a Milano, nell’area Expo”. Tanti gli elementi che, come dice Galimberti, giocano a favore della città: breve è la distanza da quell’area, e presto, con la conclusione dell’Arcisate-Stabio, Varese diventa un ponte oltreconfine. “Un dialogo, quello con Martina, che porta a pensare ad una Varese protagonista in questo importante progetto”, conclude il sindaco.

“Quando sono venuto in campagna elettorale ho portato fortuna a Galimberti e alla città, e così tornando oggi posso portare fortuna anche al lavoro che si sta iniziando in questa città”, esordisce Martina. Che parla di territori, come Varese, che hanno solo voglia di “sprigionare le loro tante potenzialità” su progetti legati ad un mix di investimenti pubblici e risorse private. E, venendo al progetto sull’area Expo, dedicato alla scienza della vita, alle scienze biomedicali, alla farmaceutica, “Varese – rimarca il ministro alle Politiche agricole – ha davvero molto da dire, deve lavorare con noi per portare avanti questo progetto”.

Non manca un cenno al progetto delle Stazioni: “Mi porto a casa un bel po’ di materiale da studiare – dice Martina -, e comunque io sono sempre disponibile se avete bisogno”.

Un dialogo foriero di passi avanti e di collaborazioni in vista di una città che vuole uscire dal torpore e dall’immobilismo. La tappa “numero uno”, come ha detto Martina, di una proficua collaborazione. E a Martina il sindaco ha consegnato una delle medaglie dei 200 anni dell’elevazione a Città. “Dovete fare conoscere di più e meglio la vostra città, perchè lo merita davvero”, chiosa il ministro, che lascia sul libro di Palazzo Estense questo suo (condivisibilissimo) auspicio.

 

 

3 settembre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs