Varese

Varese, Al via la Fiera della Schiranna con un minuto di silenzio per i terremotati

Il taglio del nastro alla Schiranna

Il taglio del nastro alla Schiranna

Taglio del nastro, questa mattina, alla Fiera di Varese, che è iniziata con un minuto di silenzio in memoria delle vittime del recente terremoto, con le note del silenzio fuori ordinanza proposta dalla tromba della Banda Verdi di Capolago.  Lo ha chiesto ai numerosi presenti Ivana Perusin, assessore allo Sviluppo delle Attività Produttive e Semplificazione che ha condotto la manifestazione d’apertura. Un taglio del nastro che si è verificato dopo gli interventi delle autorità e la benedizione del prevosto, monsignor Luigi Panighetti.

E’ stato il sindaco di Varese, Davide Galimberti, che ha rimarcato come la Fiera sia una manifestazione molto amata dai varesini, che certamente sarà mantenuta dalla nuova amministrazione comunale. “Tuttavia – ha detto il sindaco – nella pianifcazione della città vogliamo individuare delle specificità per questa fiera”. Insomma, “è necessaria una nuova chiave interpretativa capace di portare in città grandi espositori”. Galimberti ha richiamato il turismo come tema fondamentale di questa fiera, “un tema che consentirà alla città di crescere”. Sul fare squadra è intervenuto il presidente della Provincia Gunnar Vincenzi.

Dopo le parole del presidente della Camera di commercio Albertini, ha preso la parola il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni. “Anche la Regione è molto impegnata sul fronte del turismo – ha detto Maroni -, ed è giusto che la provincia di Varese investa sul turismo dato che sul suo territorio ci sono ben quattro siti Unesco”.

Infine è intervenuto il ministro Maurizio Martina, che ha detto, suscitando un applauso: “Sono tornato dopo il voto, un modo per augurare buon lavoro alla nuova amministrazione”. Martina ha sottolineato quanto la fiera sia anche un’occasione per pensare a “nuovi modelli di sviluppo” sul fronte dell’agroalimentare, enogastronomico, turistico-ricettivo. “Varese ha un potenziale formidabile e deve svolgere un ruolo da protagonista nello sviluppo regionale”, ha concluso il ministro.

Dopo il taglio del nastro, sindaco e ministro hanno visitato gli stand della fiera della Schiranna. Un giro tra gli espositori che ha fatto tappa anche nel grande stand del quotidiano La Prealpina, che ha lanciato la nuova app per la lettura del quotidiano on line. Un altro stand “preso d’assalto£ quello di Denis Buosi, che ha proposto al pubblico alcuni assaggi eccellenti.

3 settembre 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs