Varese

Varese, Col naso all’insù a Villa Toeplitz, la notte delle stelle cadenti

La sera delle stelle cadenti

La sera delle stelle cadenti

Anche quest’anno, con l’avvicinarsi della metà di agosto, ci prepariamo ad osservare la consueta pioggia di “stelle cadenti”, che la tradizione collega al martirio di San Lorenzo portando alla credenza diffusa che il fenomeno si possa osservare solo il 10 agosto, San Lorenzo appunto. In realtà la pioggia di meteore di questo periodo è in genere visibile tra il 9 e il 16 di ogni mese di agosto, con un picco massimo nelle notti tra l’11 e il 13.

Quest’anno la finestra di miglior visibilità si aprirà nelle notti dell’11 e del 12, cioè quando la Terra si immergerà in una zona di detriti lasciati dalla cometa Swift Tuttle durante il suo ultimo passaggio del 1992 e precedenti. I detriti cometari non sono altro che frammenti della stessa, e quindi pezzettini di roccia, sassolini, frammenti ghiacciati grandi generalmente più o meno come un chicco di caffè. I detriti entrano in atmosfera e disgregandosi producono una scia luminosa che può a volte essere colorata e altre volte particolarmente luminosa e persistente. Gli esperti ci dicono che quest’anno la Terra si immergerà nella parte più densa della scia detritica, provocando presumibilmente una pioggia di meteore eccezionale. Si stima infatti che si potrebbero raggiungere addirittura le 200 meteore all’ora! Una situazione ben diversa dagli anni  precedenti, duranti i quali la Terra si era solamente avvicinata alla massa di detriti determinando piogge di scarsa consistenza.Q

La Società Astronomica “G.V.Schiaparelli” organizzerà anche quest’anno il consueto appuntamento per l’osservazione delle stelle cadenti nello splendido parco di Villa Toeplitz, nel rione Sant’Ambrogio di Varese venerdì 12 agosto alle ore 20.30. La serata inizierà con una proiezione di immagini sul fenomeno tenuta dal fisico Fabrizio Toia, continuerà con il riconoscimento delle maggiori costellazioni estive e di alcuni oggetti astronomici particolarmente interessanti ai telescopi appositamente portati dall’Osservatorio Astronomico di Campo e si concluderà con l’osservazione delle meteore ad occhio nudo,  dato che queste piccole e velocissime scie luminose sono impossibili da puntare attraverso un telescopio.

La  serata è gratuita e non necessita di prenotazione; raccomandiamo inoltre di portare una coperta o un telo perché non sono previste sedie. Per chi vuole spostarsi fuori città per osservare il fenomeno si consiglia di trovare un luogo buio, senza lampioni né luci artificiali, ricordando sempre che l’inquinamento luminoso è il peggior nemico dell’osservazione astronomica, e meno luci ci sono, più meteore si vedranno. E’ preferibile puntare lo sguardo verso la costellazione del Perseo, verso Nord, perché è da questo punto che le meteore sembrano provenire. Non ci rimane che sperare di poter godere di uno spettacolo strepitoso!

10 agosto 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs