Regione

Regione, Nuovo sito di Abbonamento ai Musei. Ma Palazzo Ducale non c’è

Palazzo Ducale a Mantova

Palazzo Ducale a Mantova

Nuovo sito Internet per l’iniziativa di Regione Lombardia dell’Abbonamento ai Musei. Una bella iniziativa che ha subito registrato una risposta massiccia da parte dei tanti amanti dell’arte e della cultura della nostra regione.

Ora il sito (http://lombardia.abbonamentomusei.it/), da qualche giorno, è diventato più fruibile e navigabile con facilità, ricco di informazioni e di immagini. Un sito che informa come ci si può iscrivere e quali benefici si possono avere con la tessera. Quali gli intinerari tra musei e mostre, news e beni culturali, con info, orari e tariffe. Il tutto accattivante e veloce.

Quando si apre il sito web dell’Abbonamento ai Musei del Pirellone, la prima immagine che si apre è quella del Teatro Scientifico Bibiena. Si tratta di uno degli ultimi beni di Mantova ad entrare nel circuito, e bene fa il sito ad aprire con Mantova, considerato il conto alla rovescia per una delle grandi manifestazioni culturali, il Festivaletteratura, una grande iniziativa che si svolge a Mantova dal 7 all’11 settembre prossimi. Inoltre, la città dei Gonzaga è capitale italiana della cultura per tutto il 2016.

Purtroppo però, tra i beni di Mantova, non c’è traccia di Palazzo Ducale, grande monumento al centro di Mantova, di grande bellezza. A metà giugno, del Ducale era stato annunciato l’ingresso nel circuito dei musei lombardi, in vista poi del convegno, ai primi di ottobre, per valorizzare quello scrigno d’arte che è Sabbioneta.

Per quanto riguarda Mantova, nella card sono compresi i Musei Archeologico Nazionale, il Civico di Palazzo Te, il museo della Città – Palazzo di San Sebastiano, il Diocesano Francesco Gonzaga, il Tazio Nuvolari, il Palazzo della Ragione e Torre dell’Orologio, il Teatro Scientifico Bibiena e il Tempio di San Sebastiano. Manca solo Palazzo Ducale. Peccato, con il palazzo di Rigoletto Mantova sarebbe stata davvero al completo. 

 

 

 

PASSAGGIO TESTIMONE TRA MANTOVA E CREMONA – L’assessore Cappellini ha inoltre anticipato che è già al lavoro, in team con gli esponenti delle istituzioni territoriali cremonesi, per la programmazione degli eventi che caratterizzeranno ‘Cremona capitale della Musica’ nel 2017. Fra le prime azioni, visto che il prossimo anno ricorre il 400° anniversario della nascita del compositore Claudio Monteverdi, la promozione del festival a lui intitolato che coinvolge, oltre a Cremona, anche Mantova e Venezia. Sarà anche l’occasione per un simbolico passaggio di testimone fra Mantova capitale della cultura 2016 e Cremona, due eccellenze che confermano il ruolo di leader della Lombardia anche in questo campo. Alla tavola rotonda hanno partecipato, oltre al sindaco Palazzi, il direttore e il vice direttore del quotidiano ‘Il Giorno’ Giuliano Molossi e Sandro Neri; lo scrittore Andrea Vitali, il responsabile del Festival della Letteratura di Mantova, Luca Nicolini; Alberto Marenghi, presidente Confindustria Mantova e Antonio Marcegaglia, presidente del Gruppo Marcegaglia

3 agosto 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs