Regione

Regione, In Aula un minuto di silenzio per le vittime di Rouen

La commemorazione in Consiglio regionale

La commemorazione in Consiglio regionale

“Ancora una volta sono a chiedere all’Assemblea un minuto di silenzio. Il tragico evento di Rouen, che abbiamo appreso con sgomento proprio mentre l’altro ieri iniziavamo la nostra seduta con la commemorazione delle vittime di altri fatti terroristici, ha un fortissimo valore simbolico: un assalto in una chiesa durante la celebrazione della santa messa fa effettivamente rabbrividire.

E’ stato un gesto di violenza assoluta”. Con queste parole, dette a braccio, il Presidente del Consiglio regionale, Raffaele Cattaneo, ha aperto oggi la seduta, onorando con un minuto di silenzio padre Jacques Hamel, 86 anni, collaboratore del parroco, ucciso martedì nella chiesa di Saint-Etienne-du Rouvray, vicino a Rouen in Normandia.

“Dobbiamo fare nostre le parole di Papa Francesco – ha proseguito Cattaneo – che ha ricordato che questa è una guerra, ma non una guerra di religione. Nessuna religione, se praticata seriamente, ha tra i suoi contenuti quello di uccidere nel nome di Dio. Oltre a ciò è dovere di tutti noi prendere esempio dalla testimonianza mite e umile dell’anziano padre. E’ sempre difficile pensare che la mitezza e le ragioni dell’amore siano strumenti adatti a rispondere all’odio. Come la storia ci insegna, queste si sono rivelate le migliori risposte alla violenza. Il mio auspicio – ha concluso Cattaneo – è che questi fatti non inneschino un’escalation di violenza in risposta, ma ci portino a ritrovare le ragioni più profonde del nostro stare insieme, ribadendo il valore e la dignità della persona”.

L’Assemblea ha quindi osservato un minuto di silenzio, prima di procedere ai lavori che oggi riguardano l’esame di diversi provvedimenti.

28 luglio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs