Varese

Varese, Galimberti visita il rifugio degli Angeli Urbani. “Sopralluogo in vista dell’inverno”

Il sindaco e l'assessore Civati con gli Angeli Urbani

Il sindaco e l’assessore Civati con gli Angeli Urbani

Nel pomeriggio di oggi il sindaco di Varese Davide Galimberti e il super-assessore alla Pianificazione del Territorio Andrea Civati hanno fatto visita ad uno dei luoghi della Varese solidale, l’ex Chalet Martinelli in piazzale Trieste accanto alla stazione dello Stato.

Un rifugio per i senza tetto affidato alla gestione degli Angeli Urbani. A fare gli onori di casa l’instancabile Piera Cesca, Walter Piazza e anche don Marco Casale della Caritas. Accanto a loro diversi volontari che garantiscono il servizio ogni giorno: distribuzione di cibo e indumenti nella bella stagione, offerta di posti letto d’inverno. 

Un luogo che Galimberti ha visitato metro per metro, apprezzandone la funzione di accoglienza e aiuto, ma anche verificandone i problemi. Prima è stato mostrato la sala centrale in cui gli ospiti consumano il pranzo e la cena, e che d’inverno serve da dormitorio, le stanze degli operatori, i bagni, il deposito degli indumenti estivi ed invernali, il mercatino dell’usato.

La struttura offre alimenti e indumenti ad un’ottantina di persone nei giorni feriali, che si riducono alla metà nei weekend. Da ottobre apre il dormitorio che in media dà rifugio ad una ventina di ospiti.

“Siamo venuti qui per verificare di persona la situazione del dormitorio in previsione della stagione fredda – ha detto Galimberti al termine della visita -, e per valutare eventuali interventi che il Comune deve approntare per rendere più efficiente e accogliente questo spazio. Uno spazio che, come mi è stato detto oggi, vede crescere gli italiani in condizioni di bisogno”. No, non una situazione di emergenza, quella di Varese, ha rimarcato il sindaco: “Sono un centinaio le persone che in città cercano un posto letto, e dunque occorre dare risposte a loro, che il Comune deve tutelare”.

Nel corso della visita l’assessore Civati ha portato una bella notizia: il Comune ha già affidato i lavoro ad una impresa per la cifra di 66 mila euro, una cifra che consentirà di impermeabilizzare il tetto e rifare i serramenti.

22 luglio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs