Varese

Varese Pride, grande corteo pacifico e colorato. “La città è diventata gay-friendly”

Si ricorda la strage di Orlando

Si ricorda la strage di Orlando

Una manifestazione multicolore e allegra, il primo Varese Pride organizzato da Arci Gay di Varese. Più di duemila partecipanti hanno sfilato per le vie della città, dopo che l’itinerario iniziale è stato mutato escludendo il passaggio da Corso Matteotti. Dopo circa un’ora e mezza il corteo rumoroso e divertente è giunto in piazza Monte Grappa dove è stato osservato il silenzio in memoria delle vittime di Orlando.

Varese Pride è partito, con un grande carro musicale, su cui era presente il dj set di Valentina Cusano, da piazza Cacciatori delle Alpi, accanto al tribunale, ed è sfilato in strade e piazze senza bandiere di partito e rispettando rigorosamente la giornata di silenzio elettorale. Con il patrocinio della Provincia di Varese, del Consolato Usa di Milano e dell’Università degli Studi dell’Insubria. No, invece, da parte del Comune di Varese, che si è rifiutato di patrocinare la manifestazione. All’iniziativa ha invece partecipato la Cgil di Varese. Lungo il corteo due ali di folla hanno accompagnato la manifestazione, spesso con applausi e sorrisi.

Al termine del corteo, una serie di interventi si sono succeduti sul palco, introdotti da Isabella Mauceri, ha preso la parola il giovane presidente di Arci Gay Varese, Giovanni Boschini, e poi il viceconsole della sezione Public Affairs del consolato generale degli Stati Uniti di Milano Rami Shakra. E’ intervenuto anche Flavio Romani, presidente nazionale Arci Gay, e Umberto Colombo, segretario generale Cgil Varese. Ha offerto una sintesi dell’evento il vicepresidente di Arci Gay Varese Federico Galbiati: “Da oggi Varese è una città gay friendly”. 

Al termine degli interventi, sono stati liberati in cielo i palloncini colorati. Poi è giunto il momento del divertimento grazie alla presenza dello Zsa Zsa discoclub di Varese, uno dei due locali, insieme a Il Salotto, che hanno sostenuto la manifestazione.

 

FOTO

18 giugno 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs