Milano

Milano, Collegamento ferroviario T2 Malpensa-linea Sempione, confronto con Comuni

malpensa2Organizzato da FERROVIENORD, in collaborazione con Regione Lombardia e con il sostegno dell’Unione Europea, si è svolto oggi, presso il Malpensa Center, il primo incontro di lavoro, aperto ai Comuni e agli altri portatori di interessi, per fare il punto sullo stato dell’arte della progettazione di fattibilità tecnico-economica della prosecuzione della linea ferroviaria oltre il Terminal T2 di Malpensa fino a collegarsi alla linea RFI del Sempione, sia in direzione Gallarate, sia in direzione Nord verso Casorate Sempione. L’incontro ha fatto seguito ai primi contatti con i Comuni interessati e ha aperto il percorso di confronto pubblico e di condivisione delle scelte con il territorio.

COSTRUIRE INSIEME - Intervenendo in apertura, il presidente di FERROVIENORD Andrea Gibelli ha sottolineato quanto sia fondamentale, nel sistema della mobilità, investire sull’integrazione. “Oggi – ha spiegato Gibelli – la ferrovia è una grandissima occasione. Tutti i dati dimostrano che, quando si è meglio connessi e c’è capacità di integrazione, ci sono benefici notevoli anche per il mondo economico. Su questa opera in particolare vogliamo aprire un approfondito dialogo con le amministrazioni locali e il sistema economico e sociale per costruire insieme il percorso”.

FINANZIAMENTO EUROPEO - La progettazione è stata finanziata al 50% dalla Comunità Europea, con l’obiettivo di completare le connessioni ferroviarie da Nord e rendere “passanti” entrambe le stazioni dell’aeroporto: quella del terminal T1 inaugurata nel 1999 e quella del terminal T2 attualmente in fase di completamento e che verrà attivata a dicembre.

MIGLIORARE L’ACCESSO A MALPENSA - La progettazione rappresenta una prima applicazione delle Linee Guida per la redazione delle analisi di fattibilità adottata dalla Regione con Delibera del 23/10/2015, utilizza i modelli regionali di simulazione ed è coerente con i contenuti del Piano Regionale della Mobilità e dei Trasporti (PRMT), adottato con Delibera X/4665 del 23/12/2015. La finalità di questo intervento è quella di attivare servizi ferroviari per migliorare l’accessibilità a Malpensa, di cui beneficeranno anche i territori attraversati. Regione Lombardia, peraltro, cofinanzia la progettazione attraverso lo strumento del Contratto di Programma degli investimenti sulla rete FERROVIENORD.

FERROVIENORD - Sta coordinando gli studi e sviluppando la progettazione preliminare, tramite la propria società di ingegneria NORD_ING. Gli studi si avvalgono di contributi di diverse strutture specialistiche, tra cui in particolare gli esperti delle Università Bocconi e del Politecnico di Milano. La progettazione viene sviluppata in stretta collaborazione con le strutture tecniche di RFI per quanto riguarda le interconnessioni con la linea del Sempione.

SEA – Partecipa alla progettazione contribuendo soprattutto alle nuove indagini sulla domanda, alla individuazione degli scenari di servizio per allargare l’area di influenza dell’aeroporto e alla definizione della tratta ferroviaria all’interno del sedime dell’aeroporto.

CONSULTAZIONE TERRITORIO - La volontà dei promotori del progetto – testimoniata anche da questo primo incontro – è di dare la massima pubblicità e ricercare la massima condivisione possibile delle scelte progettuali con tutti gli attori coinvolti. La consultazione del territorio avrà dei momenti formali con i Comuni che inizieranno già nelle prossime settimane con la cosiddetta fase di “scoping” della procedura di Valutazione Ambientale e passerà attraverso la Conferenza dei servizi.

IL PROGETTO - Il progetto di riferimento in corso di approfondimento, selezionato tra molte alternative con l’obiettivo primario di ridurre l’occupazione di suolo e l’impatto sull’ambiente, prevede una nuova linea di 4,6 km di lunghezza (per circa il 60% in galleria) verso Gallarate e un ulteriore raccordo di 1,1 km in direzione Casorate.

 

TEMPI E COSTI DEL PROGETTO - L’obiettivo è concludere entro quest’anno la progettazione a livello preliminare (con il nuovo codice si chiama Progetto di Fattibilità tecnico-economica) e lo Studio di Impatto ambientale, in modo di sviluppare laprogettazione a livello definitivo entro il 2017. Il budget della progettazione – dagli studi fino al livello definitivo – è stimato in circa 4 milioni (di cui un po’ meno del 90% di competenza FERROVIENORD e il resto di competenza SEA). Il cofinanziamento concesso dalla Comunità europea è fino al 50% del costo della progettazione.

TEMPI E COSTI DELL’OPERA - I costi sono in fase di stima. Al momento si mantiene la “forcella” previsionale indicata alla Comunità europea (da 170 a 250 milioni a secondo della configurazione che verrà adottata). I tempi necessari per la costruzione sono dell’ordine di 3 anni, ma prima sono necessari almeno 3 anni per completare le procedure approvative, di finanziamento e di gara. Pertanto l’obiettivo è – se le valutazioni e le decisioni di finanziamento saranno positive – di attivare l’opera nel 2023.

COLLEGAMENTO FERROVIARIO T1-T2 - I lavori di realizzazione del collegamento ferroviario proseguono a pieno ritmo su entrambi i Lotti: la stazione al Terminal 2 (il Lotto 1 di competenza SEA); la nuova linea e gli impianti ferroviari (il Lotto 2) di competenza FERROVIENORD. Attualmente sono in fase di montaggio i binari e gli scambi. Si prevede di completare i lavori entro settembre,in modo da effettuare le prove e i collaudi da ottobre e iniziare il servizio regolare con il cambio orario di dicembre.

7 giugno 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs