Varese

Varese, Come eleggere nuovo sindaco e Consiglio, istruzioni per il voto

schedaelettoraleDomenica 5 giugno è l’unico giorno per esercitare il diritto e dovere civico di voto per le elezioni comunali. A Varese sono chiamati alle urne 65.663 elettori. A loro la possibilità di eleggere il prossimo sindaco della città e i suoi consiglieri.

Domenica 5 giugno i seggi apriranno alle 7 del mattino e chiuderanno alle 23 di sera. L’eventuale ballottaggio tra i due candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti al primo turno si terrà domenica 19 giugno.

Per votare è necessario avere con sé un documento di identità e la tessera elettorale. Se avete bisogno della carta di identità, in quanto prossima alla scadenza o scaduta l’ufficio anagrafe di via Sacco sarà aperto per il rilascio delle carte di identità cartacee sabato 4 giugno dalle ore 8:00 alle ore 18:00 e domenica 5 giugno (il giorno del voto) dalle ore 7:00 alle ore 22:30.

L’ufficio elettorale di via Copelli invece sarà aperto per il rilascio delle tessere elettorali venerdì 3 giugno dalle ore 8:00 alle ore 18:00; sabato 4 giugno dalle ore 8:00 alle ore 18:00; domenica 5 giugno dalle ore 7:00 alle ore 23:00.

Tre i modi per votare: Il primo: chi vota traccia un segno soltanto sul simbolo di una lista (e in questo modo assegna la sua preferenza alla lista su cui ha fatto il segno e in automatico al candidato sindaco appoggiato da quella lista);

Il secondo: chi vota traccia un segno sul simbolo della lista e indica la preferenza per uno deicandidati della lista che appartengono alla lista su cui è stato tracciato il segno. È possibile esprimere fino a due preferenze per i candidati di lista di una stessa lista, a patto che siano di sesso diverso (un uomo e una donna). Arrivato a questo punto, chi vota può anche tracciare un segno sul nome di uncandidato sindaco che non è collegato alla lista votata (è il caso del “voto disgiunto”);

Il voto disgiunto, spiegato bene: chi vota può tracciare un segno sul nome di un candidato di una lista e anche sul nome di un candidato sindaco non collegato alla lista votata.

La preferenza doppia, spiegata bene: chi vota può esprimere due preferenze ai candidati di lista, una a un uomo e una a una donna, solo se corrono nella stessa lista (altrimenti il voto viene annullato).

Si può votare esercitando voto disgiunto e doppia preferenza insieme? Sì. In questo caso chi vota deve scrivere i nomi dei candidati di sesso opposto di una stessa lista e deve tracciare un segno sul nome di un candidato sindaco non collegato alla lista votata.

Il terzo: chi vota traccia un segno solo sul nome del candidato sindaco e in questo modo vota solo per il candidato sindaco.

5 giugno 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs