Varese

Varese, Orrigoni: se diventerò sindaco, il mio stipendio andrà in beneficenza

Paolo Orrigoni parla con i giornalisti

Paolo Orrigoni parla con i giornalisti

Il candidato sindaco del centrodestra, Paolo Orrigoni, a poche ore dal voto riunisce i giornalisti al Buongusto Tigros di Buguggiate, aperto ai primi di maggio. “Faccio il punto sulla mia bella esperienza di campagna elettorale fuori dai soliti ambiti. Ho sempre rispettato la distinzione tra la mia avventura elettorale e il lavoro, e questa è la prima volta che invito i giornalisti in un luogo legato alla mia attività”.

“Credo sia indispensabile, anche facendo politica, mantenere rapporti con la realtà di tutti i giorni – dice Orrigoni -, perchè così si ha il polso della vita dei propri cittadini. Io chiarisco che ho un rapporto con la politica, ma non ne voglio essere dipendente, né dal punto di vista economico, né da un punto di vista del condizionamento dei propri pensieri”.

Ed ecco che Orrigoni lancia la sua scelta: “Se diventerò sindaco di Varese, rinuncerò al mio stipendio da sindaco, mettendolo a disposizione di persone che si trovano in difficoltà. Credo sia il miglior modo per fare beneficenza. E spero che questa mia scelta sia condivisa anche da chi entrerà in Consiglio comunale”.

Poi Orrigoni torna al rapporto con la sua azienda: “Continuerò, se eletto, la mia attività in Tigros, ma so di potere contare su una decina di manager molto validi che sono cresciuti inazienda. Buona parte delle deleghe sarà presa da una persona molto valida e preparata, mia sorella Veronica”.

Orrigoni si è soffermato anche sulla riorganizzazione della giunta: “Ci saranno cose da cambiare. La giunta si caratterizzerà per rappresentanza e competenza degli assessori, che saranno nove”. Quanto agli assessorati Orrigoni ha confermato che ci sarà un assessorato allo Sviluppo economico, mentre quello richiesto dai forzisti relativo alla disabilità sarà una delega all’interno di quello che è l’attuale assessorato Famiglia e Persona, che tuttavia, come ha detto Orrigoni, “sarà rivisto soprattutto per dare maggiore efficacia sul fronte della scuola”. Le donne saranno la metà come nel caso della giunta Galimberti? “Le donne saranno tenute in considerazione, ma non voglio fare battute elettorali”.

Nel caso fosse sconfitto, Orrigoni ha confermato: “se perdo farò il consigliere comunale di opposizione”.

2 giugno 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, Orrigoni: se diventerò sindaco, il mio stipendio andrà in beneficenza

  1. Marziano Mazzucchelli il 2 giugno 2016, ore 19:48

    Paolo come il papa Luigi un grande ciao nuovo sindaco

Rispondi

 
 
kaiser jobs