Varese

Varese, Davide Galimberti: sarò sindaco a tempo pieno. La città se lo merita

Davide Galimberti

Davide Galimberti

Davide Galimberti, a tre giorni dal voto, rilancia i temi fondamentali della sua campagna elettorale di Varese. Il candidato sindaco del centrosinistra ribadisce come al centro del suo programma ci sia la partecipazione.

“Vogliamo costruire un nuovo dialogo con i varesini – dice Galimberti -. Siamo partiti dai quartieri, siamo tornati nei quartieri, e domani chiuderemo la campagna elettorale in un quartiere, a Giubiano”. A confermare l’attenzione alla partecipazione e al dialogo con i cittadini Galimberti conferma il giorno di ricevimento dei cittadini a Palazzo Estense e la giunta itinerante che, una volta al mese, si terrà in un quartiere della città.

Altro tema caro a Galimberti la certezza dei tempi di pratiche e procedimenti amministrativi. “Si devono svolgere e chiudere in tempi certi, e questo per rendere appetibile il nostro territorio per le imprese e per i cittadini, come del resto abbiamo chiarito nel programma, che per noi resta quello depositato il 7 maggio e che non abbiamo emendato o a cui non abbiamo fatto aggiunte, come altri competitor hanno fatto”. Galimberti si riferisce a punti che non sono contenuti nel programma depositato da Orrigoni, come nel caso dello stipendio del sindaco dato ad associazioni benefiche.

Infine, continua Galimberti, la responsabilità: “Chi non risolve un problema, nei tempi stabiliti, deve pagare, sia esso un politico, o un funzionario o un dirigente del Comune. La meritocrazia deve entrare nel Comune di Varese”. Del resto, insiste Galimberti, “io mi impegno a fare il sindaco 24 ore su 24 ore, a farlo a tempo pieno. Non vorrei che rinunciare allo stipendio possa portare a garantire un impegno inferiore”.

2 giugno 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs