Varese

Varese, Orrigoni punta sulla sicurezza. Comando della polizia locale alle stazioni

Orrigoni illustra il pacchetto sicurezza

Orrigoni illustra il pacchetto sicurezza

Il candidato sindaco del centrodestra, Paolo Orrigoni, punta sulla sicurezza, un tema che ha presentato illustrando un “pacchetto sicurezza” che, ha garantito il candidato sindaco, “sarà attuato in novanta giorni”. “Se il lavoro è il punto zero – ha detto Orrigoni -, la sicurezza è un tema fondamentale. Non ci può essere città della famiglia senza sicurezza, tema assai sentito nei quartieri di Varese”.

Diversi i fronti sui quali “aggredire” l’insicurezza, vera e percepita. Si parte dalla Polizia locale, quella che dipende dal Comune. “Già si è fatto parecchio – ha spiegato Orrigoni -, con 70-80 agenti in strada, un buon risultato nonostante i tagli fatti a livello centrale. Ma è necessario più presidio sul territorio e meno attività amministrativa, che potrà essere svolta da altri dipendenti comunali”. Necessario poi un “piano di controlli intelligentu”. Per spiegarlo il candidato sindaco fa un esempio: maggior pattugliamento in zona stazioni nel tardo pomeriggio, quando chi arriva a Varese può sentirsi più insicuro.

Altro tema è quello della tolleranza-zero verso l’accattonaggio più fastidioso ed invadente, che per Orrigoni va distinto dal “gesto caritatevole”. Tolleranza-zero anche contro quel fenomeno definito dal candidato il “gozzoviglio libero” che può generare l’impressione di insicurezza ad esempio nei parchi cittadini.

Non dimentica, Orrigoni, il tema della prevenzione. A tale proposito lancia l’idea di coinvolgere associazioni e cittadini, le società di vigilanza territoriale, realtà come Angeli Urbani e City Angels. Orrigoni parla anche dell’esperienza del “controllo di vicinato”.

Duro contrasto all’immigrazione irregolare. “Se un bambino sta annegando, si salva senza se e senza ma. Non parlo di questo, ma del fatto che gestire l’immigrazione significa garantire che le persone irregolari non rendano insicura la vita. Nessuna questione di razzismo o di polemica: occorre garantire di vivere bene a tutti i cittadini”. Ad una domanda sul centro islamico di via Giusti a Varese, Orrigoni risponde: “soprattutto il venerdì, non mi sembra che mostri una condizione di integrazione, è una situazione da risolvere”. Spazio invece alla collaborazione con le comunità di stranieri irregolari per favorire integrazione e controllo.

Infine Orrigoni sottolinea l’importanza delle infrastrutture, a partire da una efficace illuminazione notturna di Varese: “Si tratta di un investimento virtuoso e dunque va completato il piano già predisposto dalla giunta uscente”. Altra proposta di Orrigoni quella di trasferire il Comando della Polizia locale in zona stazioni.

E l’esercito a Varese per garantire la sicurezza? “Non ne sento l’esigenza. Tuttavia se le forze dell’ordine non fossero in grado di garantire la sicurezza, non ho nulla in contrario”.

 

1 giugno 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs