Varese

Varese, Forza Italia lancia la proposta di istituire un assessore alla disabilità

La conferenza stampa di Forza Italia

La conferenza stampa di Forza Italia

Ultime battute di campagna elettorale prima del voto del 5 giugno con Forza Italia di Varese che ha riunito i giornalisti insieme a Paolo Orrigoni, candidato sindaco del centrodestra, a proposito della chiusura della campagna elettorale, con toni piuttosto accesi.

Una conferenza stampa aperta da Roberto Leonardi, coordinatore cittadino azzurro, che ha sostenuto che “Paolo Orrigoni rappresenta il rinnovamento. E’ Galimberti quello che rappresenta maggiormente la continuazione con Fontana – ha dichiarato Leonardi -, mentre Orrigoni va oltre”.

Due i NO pronunciati da Leonardi: “No a Galimberti, che rappresenta il vecchio modo di fare politica, con le sue sfilate di big politici. E come Renzi con Firenze, Galimberti punta ad arrivare a Roma”. Ma “no anche a Malerba, uomo-matrioska che contiene troppe persone che gli dettano la linea politica. Tanto il ballottaggio non ci sarà”, ha concluso Leonardi, che ha lanciato a Orrigoni la proposta di costituire un nuovo assessorato alla disabilità.

Sostegno ad Orrigoni è giunto anche da Domenico Battaglia, vice-coordinatore cittadino, che ha previsto che “Orrigoni sarà sindaco per i prossimi dieci anni”.

Il consigliere regionale Luca Marsico, che di Orrigoni ha detto: “Orrigoni ha affrontato la campagna elettorale con grande signorilità e competenza, pur rispondendo alla pochezza delle argomentazioni degli avversari, ai loro annunci vuoti”. Marsico ha parlato del fatto che “Galimberti ha chiamato al capezzale un ‘soccorso rosso’”, ha detto riferendosi a Renzi. E poi ha aggiunto: “E poi parli da sindaco quando davvero la fascia tricolore gli cingerà la spalla”. Infine una battuta sulla “assoluta compattezza del centrodestra” e sullo “sgretolamento del centrosinistra, dimostrato dall’assenza di Marantelli in campagna elettorale”.

Ha preso infine la parola Paolo Orrigoni, candidato sindaco del centrodestra, che ha detto: “In questi tre mesi mi avete conosciuto per quello che sono davvero, e questo è il vero messaggio alla città. Col lavoro si possono raggiungere tanti risultati, e io sono quello che accende per primo la luce al mattino e che la chiude per ultimo alla sera”. “Mi auguro che la stessa passione della campagna elettorale che ho sentito, ci sia anche nell’amministrazione”. Semaforo verde, poi, per l’assessore alla disabilità.

1 giugno 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs