Varese

Varese, Fontana fa bilancio dei suoi 10 anni. “Il Pd? Democratici sulla carta”

Attilio Fontana

Attilio Fontana

A conclusione di dieci anni da sindaco a Palazzo Estense, Attilio Fontana incontra i giornalisti e fa il bilancio. “Un’esperienza molto bella, ho dato tutto quello che sono riuscito a dare. Se qualche volta ho mancato, è accaduto in buona fede”. Accanto a Fontana gli assessori Ghiringhelli, Piazza, Longhini, Montalbetti e Santinon.

Poi Fontana restringe il fuoco del discorso agli ultimi giorni e si toglie qualche sassolino dalle scarpe. “Sto subendo alcuni attacchi ingiustificati, tra cui chi mi ha accusato di volere approvare il bilancio ad ogni costo, mentre è la legge che me lo impone”.

Un altro argomento che a Fontana non è piaciuto, è stata l’evocazione di lobby a Palazzo Estense: “Chi scrive queste cose, se ci sono davvero lobby a Palazzo Estense, deve fare una denuncia alla Procura della Repubblica”. Continua Fontana, un fiume in piena: “C’è anche chi dice che noi, per far quadrare il bilancio, siamo ricorsi alla riserva delle azioni, ma si dimentica che altri Comuni, come Milano e Brescia, hanno fatto altrettanto”.

Dice ancora, il sindaco uscente: “Non lasciamo buchi di bilancio, ma una città con i bilanci a posto, un’ottima capacità di riscossione, una bassa pressione fiscale”. Quanto al Pgt, sotto attacco da destra e da sinistra, Fontana dice: “Difendo l’impostazione del Pgt, ma sono aperto ad idee migliorative”. Infine, per quanto riguarda il nuovo teatro, una delle bandiere delle precedenti elezioni, Fontana dichiara: “Stiamo attendendo il progetto definitivo, così come per la Caserma e piazza Repubblica”.

La battuta migliore della campagna elettorale: “Rendere il nostro lago balneabile”. Un futuro in politica? “Al momento non c’è. Torno a fare il mio lavoro”.

Infine Fontana non manca di alzare il tiro sul Pd: “La relazione di fine mandato ci è stata mandata dalla società esterna in ritardo, e il Pd ci ha mandato una diffida a diffonderlo perchè fuori tempo massimo. Credo che occorra informare i cittadini il più possibile, ma il Pd è democratico solo sulla carta. Certamente se avessimo diffuso la relazione veniva ad essere smentita l’accusa che non abbiamo fatto nulla”. Un unico cruccio: “Abbiamo fatto tante cose, non siamo stati bravi a comunicarle. Come i varesini, abbiamo badato più ai fatti che alle parole”.

 

 

28 maggio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs