Varese

Varese, Galimberti col ministro Martina: la città protagonista del dopo Expo

A Bizzozero Galimberti insieme al ministro Martina

A Bizzozero Galimberti insieme al ministro Martina

Un nuovo parco per Varese e questo è solo l’inizio delle azioni concrete che da giugno realizzeremo per la città”. Sono queste le parole di Davide Galimberti che oggi insieme al Ministro Maurizio Martina ha parlato durante l’evento che si è svolto a Bizzozero. Per la prima volta un Ministro ha fatto visita ad un quartiere di Varese: il rione ha risposto con oltre 200 persone presenti.

“È un momento importante per la città e per il quartiere perché si tratta di un parco che i varesini aspettavano da quasi 20 anni. “E a questo risultato ci siamo arrivati anche grazie alla mia istanza per l’esercizio del potere sostitutivo – insiste Galimberti - che ho depositato in Comune lo scorso 16 novembre, sottoscritta da me e da oltre 60 cittadini di Bizzozero che ha imposto al Consiglio comunale di approvare il PLIS ‘Varese Sud – Cintura Verde”, un progetto che era rimasto chiuso in un cassetto per troppo tempo. La mia politica della concretezza e del fare inizia a dare i primi frutti per Varese”. 

I tempi certi per la realizzazione dei progetti sono uno dei punti su cui ho messo maggiormente l’accento sul mio programma per i prossimi 5 anni. Dopo una lunga stagione di promesse non realizzate infatti a Varese l’aspetto principale è garantire che tutti i progetti che verranno messi in campo, dopo essere stati valutati e presentati ai cittadini, trovino poi una effettiva messa in pratica. 

Durante l’evento di oggi si è parlato anche di progetti e occasioni di sviluppo per Varese. Maurizio Martina, Ministro per le politiche agricole e forestali, ha infatti spiegato che tra poco partirà il progetto per il nuovo polo di ricerca del dopo Expo: “Una grande occasione che Varese dovrà saper cogliere. Il progetto presentato è molto ambizioso e proietterà l’Italia nel circuito della ricerca mondiale. Varese, che è a pochi chilometri da quel polo, dovrà essere una protagonista del progetto che potrà essere utile per il rilancio della città e delle sue eccellenze. Varese con la sua laboriosità, la sua capacità di fare impresa, le sue Università e tutte le sue eccellenze nel campo scientifico, dovrà essere protagonista di uno dei più importanti progetti italiani del prossimo futuro”.  E il Ministro ha aggiunto: “A Varese non esiste un piano B. Il 5 giugno si deve vincere. Più dei sondaggi, che sono buoni, valgono i volti dei cittadini presenti oggi in tanti per far sentire la loro vicinanza e sostegno a Davide. Ci rivedremo per i progetti post Expo”.

“Non possiamo permetterci di restare fuori al dopo Expo come è purtroppo successo con Expo 2015 – ha chiuso Galimberti - quando le tante occasioni dell’evento mondiale hanno solo sfiorato la nostra città. Io lavorerò perché Varese faccia parte almeno del progetto del dopo Expo portando in città occasioni di sviluppo e di lavoro. Pensiamo solo alla posizione strategica ricoperta dell’aeroporto di Malpensa, che ha le potenzialità di essere l’Hub di questo progetto che avrà una proiezione sui prossimi 25 anni”. 

 

15 maggio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs