Varese

Varese, “Aggiungi un pasto a tavola”, in piazza batte il cuore solidale della città

La cena in piazza San Vittore

La cena in piazza San Vittore

Ancora una volta gli organizzatori della grande cena solidale hanno vinto la sfida. Ci si era posti l’obiettivo dei mille partecipanti paganti, e mille partecipanti paganti sono stati. E così la manifestazione “Aggiungi un pasto a tavola”, organizzata dall’associazione delle associazioni Varesesolidale, nata da un’intuizione di Giuseppe Redaelli, ha fatto sold out, ma soprattutto darà un contributo tangibile alle diverse realtà che ogni giorno combattono contro l’emergenza alimentare in città.

C’erano tutti ieri sera in piazza San Vittore a Varese, sotto la grande tensostruttura allestita davanti alla basilica. Una partecipazione ampia e trasversale che rispecchiava la ricchezza di sfaccettature della città, ma che soprattutto ha mostrato un grande cuore solidale. E proprio in un momento di contrasti legati alla campagna elettorale, tutti i varesini di ogni idea e di ogni colore sono arrivati in piazza per condividere una serata simpatica e solidale.

Prima dell’inizio della cena alcuni brevi interventi, presentati dal direttore di Rete 55 Matteo Inzaghi. Don Marco Casale, responsabile Caritas, sottolinea che “nella piazza raccontiamo il positivo, il bello che c’è in città”. Casale ricorda chi lavora dietro alle quinte: i ragazzi del De Filippi che servono ai tavoli, i Monelli della Motta, l’Associazione Alpini di Varese. A beneficiare dei fondi raccolti la mensa della Brunella, la mensa delle suore di via Luini, l’Emporio solidale, il Banco Alimentare, la mensa della Croce Rossa.

E’ poi la volta del sindaco Fontana che sostiene: “i varesini non sono freddi, come qualcuno dice, semmai sono riservati. Varese ha però un grande cuore. Grazie alla nostra grande Varese”. Gli fa eco l’assessore Ghiringhelli: “Inizialmente c’era l’ipotesi di fare una cena di gala in concomitanza dell’apertura ufficiale delle celebrazioni per i 200 anni dell’elevazione al rango di città. Non era il momento, meglio invece una cena solidale come questa”. E’ intervenuto anche il prevosto monsignor Panighetti.

E’ così partita la cena, dove la parte del leone l’hanno fatta le associazioni operanti a Varese, tassello fondamentale della serata, dato che hanno venduto la maggior parte dei biglietti. Vera chicca della cena il Raviolo di Varese, un ottimo raviolo che è stato presentato dalla sua creatrice, Susy Milani. Accompagnamento musicale live a cura dell’Unforgettable Duet di Claudia Donadoni e Luca Guenna.

FOTO

8 maggio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs