Varese

Varese, Gazebo Cgil per raccolta firme per legge e tre referendum

Il segretario Colombo al gazebo Cgil

Il segretario Colombo al gazebo Cgil

Anche a Varese gazebo della Cgil per iniziare la raccolta firme in favore della legge di iniziativa popolare per un nuovo statuto del lavoro e per tre referendum. I referendum si riferiscono alla abolizione dei voucher, all’obbligo di reintegro in caso di licenziamento senza giusta causa e alla responsabilità delle società appaltanti verso le ditte subappaltatrici. Sono previsti tre mesi per raccogliere le firme per i referendum e sei mesi per la proposta di legge.

“Come in tutta Italia, anche noi stiamo raccogliendo le firme tra i cittadini – spiega il segretario generale Cgil, Umberto Colombo – dopo la consultazione straordinaria che ha riguardato, nei mesi scorsi, gli iscritti al nostro sindacato”. Una mobilitazione che affonda le sue radici, continua Colombo, “nelle modifiche intervenute dopo l’approvazione del Jobs Act di Renzi, che ha comportato un peggioramento per i lavoratori sul fronte delle tutele e dei diritti, ma spesso anche dei salari”.

Obiettivo della legge di iniziativa popolare quello di sostenere la necessità di una Carta dei diritti universali del lavoro: “Una Carta – continua il segretario generale Cgil di Varese – che garantisca a tutti i lavoratori, dipendenti o autonomi, i medesimi diritti e le stesse tutele, una condizione che oggi non è per nulla da dare per scontata”.

9 aprile 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un commento a “Varese, Gazebo Cgil per raccolta firme per legge e tre referendum

  1. Anche a Varese iniziata la raccolta firme per la Carta Universale dei diritti il 11 aprile 2016, ore 16:49

    […] Leggi articolo Varese Report […]

Rispondi

 
 
kaiser jobs