Varese

Varese, Villa Recalcati divide il territorio e non consuma suolo

Villa Recalcati

Villa Recalcati

Provincia di Varese aderisce ai principi della legge regionale 31 del 2014 contro l’ulteriore consumo suolo, nell’ottica di perseguire un nuovo modello di pianificazione territoriale e urbanistica.

Il Consiglio provinciale ha espresso parere favorevole in merito alla proposta di suddivisione del territorio provinciale in ambiti territoriali omogenei, come ipotizzato da Regione Lombardia in adeguamento del Piano Territoriale Regionale (Ptr) alla legge regionale numero 31 del 2014, che disciplina la riduzione del consumo di suolo e favorisce la rigenerazione urbana.

Quello degli uffici del macro-settore Ambiente e Territorio di Villa Recalcati è stato un lavoro molto articolato, durante il quale è stati analizzati tutti gli elementi che caratterizzano il complesso territorio provinciale, quali la rete infrastrutturale, gli aspetti paesaggistici ed ecologici e la densità urbanistica. Dopo aver elaborato tali dati il passaggio successivo è stato quello di verificarne la coerenza con la proposta della Regione al fine di giungere, anche attraverso un confronto con gli uffici regionali, a un miglioramento ampiamento condiviso della proposta iniziale.

Dal lavoro effettuato è scaturita una riperimetrazione del territorio provinciale in 5 Ambiti territoriali omogenei (Ato) così denominati: Alto Varesotto, Conca dei Laghi di Varese, Varese e Valli fluviali, Sempione e Ovest Milanese e Nord Milanese. Gli ultimi tre ambiti sono interprovinciali. Proprio da tale riperimetrazione si evince l’articolata complessità del nostro territorio, riconosciuta anche da Regione Lombardia. Una suddivisione, quella degli Ambiti, che garantirà un’attribuzione, per ogni Ato, di un proprio indice di consumo di suolo definito sulla base delle specificità del medesimo.

L’analisi approvata dal consiglio provinciale servirà a Regione Lombardia per redigere un piano territoriale coerente con l’assetto paesaggistico della provincia di Varese.

8 aprile 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Rispondi

 
 
kaiser jobs